Vivo a Londra e vi assicuro che la #sanità italiana è migliore di quella inglese

Shares

Il mio dentista mi ha mandato all’ospedale, ci andrò fra 14 mesi.

Mi ha spiegato che il trattamento al mio dente ha bisogno di uno specialista, così il mio dentista (della mutua) mi ha prenotato una visita all’ospedale (anche questo con la mutua).

Oggi mi è arrivata una lettera da parte del servizio sanitario inglese: dal 9 settembre sono in lista d’attesa, aspetterò un massimo di 14 mesi. Se ho dolore, però, devo tornare dal mio dentista “per soluzioni alternative”: cioè andare da un privato o, se c’è un’emergenza, al pronto soccorso.

Quindi – visto che non ho soldi per pagare il dentista privato – devo solo aspettare che il mio dolorino degeneri naturalmente e diventi dolorosissimo.

Allora ho cambiato dentista ma ho ricevuto la stessa identica risposta quindi penso che qua funzioni così.

Vorrà dire che mi siederò lungo il fiume e aspetterò.

La sanità italiana ha molti problemi ma una cosa così da noi non esiste.

Francesca Marchese

E' una giornalista professionista freelance. Vive e lavora a Londra, dove si occupa di progetti di comunicazione per aziende ed enti culturali. A Catania ha scritto di cronaca per l'agenzie di stampa Italpress, ed ha collaborato con quotidiani cartacei ed online. Ha curato per "RadioCatania" il programma "Catania Report Economia" e per quattro anni è stata un volto del telegionale "PrimaLineaTg" di Telecolor. Il suo Speciale "Emanuele: la sua Facoltà" è stato finalista nel 2009 del Premio Ilaria Alpi nella sezione Giovani. Ha ricoperto il ruolo di ufficio stampa per enti regionali e nazionali. E' un'appassionata di tecnologia, startup, media digitali e food. Le sue passioni sono il cinema ed viaggi, porta sempre con sé l'identità della Sicilia. Vorrebbe scrivere ogni giorno una buona notizia sui beni culturali dell'Isola.

One comment

  • Avatar

    gbravin

    17 Settembre 2015 - 11:18

    Forse la giornalista fa un po’ di pubblicità al SSN Italiano?
    Mi risulta che i tempi di attesa per servizi odontoiatrici italiani e tramite mutua, sino gli stessi.
    I dentisti italiani sono cari, e se una persona abita al nord, preferisce andare in Francia, Slovenia etc. per cure importanti, perché risparmia ed usano gli stessi materiali.
    Ho vissuto in Scozia nel 1974/75 e posso dire che il loro National Health era più avanzato del nostro. Già usavano siringhe in plastica (usa e getta) e strumentazione monouso. In Italia, all’epoca, si usavano ancora le siringhe in vetro, con conseguente sterilizzazione.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top