Questo sito contribuisce alla audience di

World press photo, a Bari gli scatti più belli del mondo

Shares

A Bari torna World Press Photo, il più grande concorso di fotogiornalismo al mondo. Allestita in un centinaio di sedi in 45 Paesi, l’esposizione World Press Photo sarà ospitata per il quinto anno consecutivo, dal 27 aprile al 27 maggio 2018, a Bari in Spazio Murat, grazie all’impegno di CIME di Vito Cramarossa.

La fondazione olandese ha appena annunciato i candidati della 61esima edizione del World Press Photo (WPP).

Per la prima volta, quest’anno sono stati presentati tutti i finalisti e non direttamente i vincitori (come accadeva negli anni passati) che saranno, invece, annunciati il prossimo 12 aprile in un’apposita cerimonia ad Amsterdam.

Sono 5 i reporter finalisti per 6 foto: Ivor Prickett (Panos Pictures, per il New York Times) partecipa con due fotografie, entrambe sulla battaglia di Mosul; Patrick Brown (Panos Pictures, per Unicef) con una foto sulla crisi dei Rohingya; Adam Ferguson (New York Times) con il ritratto di una sopravvissuta a Boko Haram; Toby Melville (Reuters) con una foto dopo l’attentato sul ponte di Westminster a Londra; Ronaldo Schemidt (AFP) con la foto di un ragazzo che prende fuoco durante le proteste contro Nicolas Maduro in Venezuela.

Tra queste c’è il vincitore assoluto che verrà annunciato il prossimo 12 aprile, pochi giorni prima dell’apertura della mostra a Bari (27 aprile 2018).

Come sempre la maggior parte delle immagini raccontano soprattutto le grandi notizie dell’anno passato: la crisi dei rohingya, dei migranti e del Venezuela; la battaglia di Mosul; la Corea del Nord; Charlottesville e la sparatoria di Las Vegas.

I visitatori potranno ammirare dal 27 aprile a Bari, in Spazio Murat, le 150 immagini vincitrici del più prestigioso concorso di fotografia, nato ad Amsterdam nel 1955, e selezionate da una giuria internazionale presieduta da Magdalena Herrera, direttrice della fotografia a Geo France.

Durante la mostra World Press Photo a Bari arriveranno fotoreporter di fama internazionale.

In contemporanea alla grande esposizione internazionale CIME organizza, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti Puglia, la seconda edizione della masterclass in fotogiornalismo diretta dal fotoreporter pluripremiato iraniano Manoocher Deghati (membro giuria WPP): si tratta di 10 lezioni che si terranno ogni sabato, dalle 11 alle 13, dal 10 marzo al 13 maggio 2018 a Bari nella sede dell’Ordine dei Giornalisti Puglia.

 

Anna Laura Maffei

Giornalista, blogger ed esperta di comunicazione, scrive di sociale, di innovazione e di cultura. È communication manager di Digital Media, service giornalistico di Tiscali.it e main partner di RestoalSud.it, portali d’informazione per i quali scrive i suoi articoli. Per la testata RestoalSud.it ricopre il ruolo di caporedattrice dal 2014, ha curato la selezione e l’editing dei testi dell’omonimo libro ("#RestoalSud", Pietre Vive Editore, 2018) ed è coordinatrice didattica della Resto al Sud Academy, l’incubatore di talenti digitali del Mezzogiorno. Opera come consulente ed esperta di comunicazione digitale e social media per PMI e Startup e svolge attività di ufficio stampa. Ha collaborato con diverse testate informative, rigorosamente “all digital”, tra cui Gosalute.it, TerzoSettore TV e Look Out TV, quest’ultima tra le web tv di riferimento nell’ambito del racconto delle culture, diretta da Claudio Martelli, di cui è stata project manager. È coautrice della seconda edizione di “Brand Journalism. Storytelling e marketing: nuove opportunità̀ per i professionisti dell’informazione” (edita dal Centro di Documentazione Giornalistica).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top