A Ischia i sacerdoti hanno il posto auto riservato (guarda)

Shares

A Ischia i sacerdoti hanno il posto auto riservato.

Come? Una chiesetta gialla disegnata sull’asfalto, con tanto di croce.

Intorno tre strisce a delimitare l’area.

È così che il posto viene riservato.

Si tratta della nuova segnaletica realizzata a Sant’Antuono, frazione del comune di Ischia, non lontano dalla Parrocchia di Sant’Antonio Abate.

Ed è già polemica sul social network per questo nuovo privilegio.

E parte della popolazione vorrebbe che il Comune togliesse la segnaletica.

 

 

 

Giuseppe Lanese

Giornalista professionista, comunicatore e formatore. E' tra i fondatori di Restoalsud e caporedattore della stessa testata. E' responsabile cultura dell’agenzia di stampa nazionale Primapress. Ha curato dal 2009 al 2015 il blog "Parole e Musica" di Repubblica.it. Attualmente scrive e realizza video interviste per Tiscali.it sui temi della cultura e dell'innovazione e, sempre per Tiscali, si occupa del coordinamento nazionale della rete news delle regioni. Collabora con l'Università Telematica Pegaso per il corso di "Comunicazione digitale e Social Media" come cultore della materia ed è responsabile comunicazione dell'Ufficio Scolastico del Molise.

Comments (6)

  • Avatar

    IzzyVegup

    10 Gennaio 2015 - 15:21

    Se si dovessero scrivere TUTTI i privilegi di cui godono per fare la loro bella vita senza lavorare nell’oro,nel lusso e nell’ozio,ci vorrebbe un’intera enciclopedia,però bisogna capirli
    questi preti,vescovi,cardinali ecc….,infatti dove potrebbero parcheggiare i loro SUV,le loro Mercedes o le loro BMW ,magari i parcheggi sono lontani e quindi farebbero fatica a portare le loro capienti pance a spasso,quindi meglio un bel parcheggio riservato a loro che alle donne incinta,portatori di handicap o anziani l
    ultranovantenni!

    Rispondi
  • Avatar

    stefano (@stefger61)

    10 Gennaio 2015 - 15:59

    Anche a Milano, davanti alla chiesa di S. Vincenzo de Paoli, (via Pisacane) c’è un tratto di strada riservato alla chiesa.

    Rispondi
  • Avatar

    Tonino

    10 Gennaio 2015 - 16:01

    Non sono particolarmente cattolico ma non vedo che cosa ci sia di male. Ormai anche il più semplice pincopallo pretende il posto privato per un minimo motivo di servizio.. a magior ragione nelle stradine di un’isola. I primi che si indignano e scandalizzano scommetto siano quelli che parcheggiano in doppia fila bloccando chiunque per intere ore.. scusandosi con il classico “5 minuti”. Popolo social=popolo di indignati senza specchio

    Rispondi
  • Avatar

    enrica

    10 Gennaio 2015 - 19:00

    non è l’unico posto… anche nel mio paese il parroco ha il posto riservato…e senza dover fare alcuna delimitazione!!! è sottonteso che quella parte della piazzetta è per lui e basta!!

    Rispondi
  • Avatar

    gabriele

    10 Gennaio 2015 - 20:04

    Da anni esiste la stessa segnaletica a Zelo Surrigone ( mi

    Rispondi
  • Avatar

    gbravin

    11 Gennaio 2015 - 10:39

    Basta scrivere al proprio sindaco ed esporre il fatto, magari documentadolo con una foto. Se non risponde, una lettera al Prefetto. I VV.UU. o Polizia Locale non possono appellarsi al Codice della Strada solo per le multe. Questo privilegio NON appare sul CdS, quindi va fatto rispettare a 360 gradi….

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top