Questo sito contribuisce alla audience di

Addio Alessandro, uomo dei Sud

Shares
Alessandro Leogrande

Un uomo del Sud. O forse, sarebbe meglio definirlo, dei Sud. Perché Alessandro Leogrande, giornalista e scrittore tarantino, ha dedicato la sua vita ai migranti, alla lotta alle mafie, al contrasto di caporalato e contrabbando, allo studio degli effetti dell’inquinamento sulla salute e sull’ambiente, a cominciare dall’Ilva.

A quaranta anni, Alessandro Leogrande è morto. Stroncato domenica da un infarto, nella sua casa di Roma, dove era appena tornato dopo aver partecipato alla ‘Città del libro’ a Campi Salentina. E’ stato vicedirettore de Lo Straniero, rivista diretta da Goffredo Fofi. Ha iniziato la sua attività giornalistica a Primavera Radio – Radio Popolare Salento. Scriveva per il Corriere del Mezzogiorno e collaborava con Radio Tre, ma la sua firma è passata anche da l’Internazionale a Pagina99, dal Riformista alla rivista Minima&Moralia, con una produzione continua e intensa di scritti e lavori giornalistici che hanno affrontato tematiche, oltrepassando i confini nazionali.

Tra i suoi libri, “Uomini e caporali”, dedicato al primo processo contro la schiavitù dei lavoratori nei campi in Puglia, e “Il Naufragio”, incentrato sulla tragedia della Kater i Rades.

Numerosi stanno arrivando gli attestati di stima e affetto. Senza distinzione geografica: una nota ufficiale del Comune di Empoli, ad esempio, esprime il proprio cordoglio e la vicinanza alla famiglia di Alessandro Leogrande, ricordandolo come vincitore del Premio Pozzale letterario Luigi Russo (edizione 2016).

Commosso il ricordo del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: “Ha scritto del Sud demistificando certi irriducibili stereotipi, ne ha parlato schiettamente, con l’autorevolezza di chi fa inchiesta ma senza rinunciare alla forza emozionale dell’immagine letteraria, capace di ridare vita, carne, colore, voce, individualità al fatto di cronaca. La sua eredità intellettuale è importante e lui, con i suoi scritti, resterà uno dei principali testimoni del nostro tempo”. Addio, Alessandro. Uomo dei Sud.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top