Questo sito contribuisce alla audience di

Ayala a Foggia: “La mafia non è in rianimazione ma in corsia per accertamenti”

Shares
Giuseppe Ayala

Ieri sera a Foggia, in Puglia, uno degli invitati a un’iniziativa voluta dai giovani avvocati di AIGA è stato Giuseppe Ayala, magistrato e politico siciliano, collega di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e Pubblico Ministero nel primo maxiprocesso contro la mafia.

Intervistato da TeleRadioErre.it, spronato dalle ottime domande del giornalista, Ayala ha spiegato che “la strategia tradizionale di cosa nostra era evitare lo scontro diretto con lo Stato” ma poi ci fu l’avvento di Totò Riina, “autore del cambiamento drammatico e sanguinario di questa strategia, durato dal 1978 al 1993”.

“Dopodiché – ha continuato Ayala – siamo tornati alla vecchia strategia“, dove l’importante è “inabissarsi” e “non comparire”. Attenzione, però, ha avvertito il magistrato in pensione dal 2011: è sbagliato far derivare da questo la percezione di “un indebolimento di cosa nostra“.

È vero, infatti, che “grazie anche al lavoro dei colleghi più giovani che fanno le cose sul serio, non è questa la stagione in cui la mafia goda di buona salute”, tuttavia, “non è in rianimazione ma in corsia per accertamenti ed è sempre pericolosa”.

Ayala ha poi affermato – e non è la prima volta – che Giovanni Falcone e Paolo Borsellino non erano eroi: “lo dico soprattutto ai giovani perché così non pensano che per contrastare la mafia ci vogliano eroi ma uomini e donne che abbiano i sensi del dovere e dell’impegno per contrastarla”.

Ayala ha anche ricordato la stranezza dell’inserimento della parola ‘mafia’ nel Codice Penale solo nel 1982 e in seguito all’assassino di Carlo Alberto Dalla Chiesa, “il che la dice lunga sulle disattenzioni tradizionali dello Stato nei confronti di questo fenomeno”.

Infine, uno sguardo alle altre ‘mafie’. Per il giudice in pensione guai a fare di tutta l’erba un fascio: la mafia, la ‘ndrangheta, la camorra, la sacra corona unita hanno ognuna le proprie peculiarità.

“Ho la sensazione, però, – ha ammesso Ayala – che la più pericolosa sia la ‘ndrangheta e poi subito dopo cosa nostra. La camorra, invece, è un insieme di bande priva di vertici strutturati. Ognuna ha la sua storia è il suo modo di essere”.

E la mafia calabrese è più pericolosa delle altre perché si trova dove stanno i soldi, ovvero al Nord: “La mafia, infatti, non è un fenomeno esclusivo del Sud – ha affermato Ayala – anzi, giusto avere in mente una regola ‘banale’: dove può essere la mafia? Ovunque ma io so dove non c’è, ovvero dove non ci sono i soldi“.

Walter Giannò

Blogger dal 2003, giornalista pubblicista, ho scritto su diverse piattaforme: Tiscali, Il Cannocchiale, Splinder, Blogger, Tumblr, WordPress, e chi più ne ha più ne metta. Ho coordinato (e avviato) urban blog e quotidiani online (come BlogSicilia.it). Ho scritto due libri: un romanzo ed una raccolta di poesie. Ho condotto due trasmissioni televisive sul calcio ed ho curato la comunicazione sul web di un movimento politico di Palermo durante le elezioni amministrative del maggio 2012.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top