Calcio, Zamparini lascia il Palermo (al suo posto gli anglo-americani)

Shares
Maurizio Zamparini

Era il 2002 quando l’imprenditore friulano Maurizio Zamparini divenne presidente del Palermo, allora in B e assente dalla massima serie da oltre due decenni.

Un traguardo che, insieme a tanti altri che avvennero successivamente (qualificazioni in Europa League, partecipazione sfiorata alla Champions League e finale di Coppa Italia), crearono un rapporto molto stretto tra lui e i palermitani a tal punto che gli fu anche conferita la cittadinanza onoraria. 

Negli ultimi anni, però, il rapporto tra Zamparini e i tifosi si è sgretolato a causa di stagioni oggettivamente disastrose (con tanto di retrocessione in B nel maggio 2013, salvezza conquistata all’ultima partita la scorsa stagione e probabile addio alla serie A quest’anno) e vendite eccellenti, senza però i rimpiazzi adeguati. 

Tuttavia, almanacco alla mano, il Palermo di Zamparini resta il più vincente e competitivo della storia rosanero e la maglia del club siciliano è stata vestita da giocatori che si sono rivelati campioni come, per citarne solo cinque Toni, Pastore, Cavani, Vasquez e Dybala.

Dopo 15 anni, però, la lunga storia di Zamparini al Palermo si è conclusa.

Lo ha annunciato ieri la stessa società con queste parole:

Il Presidente Maurizio Zamparini comunica di aver rassegnato le dimissioni dalla carica di Presidente del Palermo Calcio. Entro quindici giorni verrà nominato il nuovo Presidente, che verrà presentato a Palermo in conferenza stampa. Il nuovo Presidente è membro e rappresentante di un fondo anglo-americano, che si è contrattualmente impegnato ad investire nei progetti del Gruppo Zamparini con priorità iniziale negli investimenti del Palermo Calcio e negli impianti sportivi da realizzare a Palermo, ovvero lo stadio ed il centro sportivo. Obiettivo degli investitori sarà riportare il club nella posizione che la città merita, quella EUROPEA, con un programma di 3-5 anni“.

Sul suo successore al momento solo voci ma la più insistente – come si legge su Mediagol.it – è quella che porta a Martin Taylor, inglese, ex presidente della Barclays Bank.

Il Palermo, quindi, come molte altre società italiane, passa agli stranieri e, anche se molti tifosi oggi stanno esultando – dimenticando troppo in fretta che, grazie all’uomo venuto dal Nord, si sono toccate vette calcistiche altissime – mancherà alla Sicilia il vulcanico e mangia-allenatori Zamparini.

Walter Giannò

Blogger dal 2003, giornalista pubblicista, ho scritto su diverse piattaforme: Tiscali, Il Cannocchiale, Splinder, Blogger, Tumblr, WordPress, e chi più ne ha più ne metta. Ho coordinato (e avviato) urban blog e quotidiani online (come BlogSicilia.it). Ho scritto due libri: un romanzo ed una raccolta di poesie. Ho condotto due trasmissioni televisive sul calcio ed ho curato la comunicazione sul web di un movimento politico di Palermo durante le elezioni amministrative del maggio 2012.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top