Sogno una Calabria di talenti senza cognomi

Shares

Gentile Presidente Mario Oliverio, sono Anna Laura Orrico, mi sono laureata a 23 anni e da quel momento ho iniziato a viaggiare per l’Europa e l’Africa lavorando nella cooperazione internazionale.

Sono tornata in Calabria e ho lavorato per l’università e un assessorato del comune di Rende sulla progettazione europea.

Sono stata 4 anni Presidente dell’Associazione Io Resto in Calabria realizzando una scuola politica e il Calabria Day. Ho lavorato nell’azienda Callipo occupandomi di Responsabilità Sociale d’Impresa e dell’organizzazione degli eventi per il Centenario dell’azienda.

Oggi sono tra i Founder di Talent Garden Cosenza, lo spazio di coworking che connette gli innovatori con le aziende, istituzioni e associazioni del territorio…ma non solo.

Non ho mai amministrato un Comune o altro, ma so di avere energia e competenze per poterlo fare.

Sono una #senzacognome e #senzaparentela come in qualche modo dice anche Nicola Gratteri.

Come me ci sono centinaia di giovani calabresi con competenze e capacità da impiegare per il “bene comune”.

#senzacognome vogliamo darci la possibilità di costruire una Calabria realmente migliore?

Presidente Mario Oliverio che ne pensa se “ci” diamo una possibilità diversa da quelle avute fino ad ora?

Fonte: www.annalauraorrico.it

Anna Laura Orrico

Sono a nata a Cosenza nel 1980 e sono da sempre convinta che qualunque forma di cambiamento (sociale, economico, politico, etc.) possa nascere e crescere solo con la spinta “dal basso”, ovvero di un gruppo di persone o di comunità che sperimentano ogni giorno cosa vuol dire provare a cambiare direzione e farla cambiare anche agli altri. Mi sono laureata all’Università della Calabria in Scienze Politiche e ho fatto qualche esperienza interessante nella cooperazione internazionale, seguendo un progetto in Burundi. Ho viaggiato e sperimentato me stessa in diversi progetti, tutti sempre a stretto contatto con l’idea che si può immaginare e lavorare per migliorare qualcosa di ciò che sta intorno a noi. Ritornata in Calabria mi sono immersa nella sfida di dare concretezza e identità all’Associazione Io resto in Calabria con la quale ho realizzato tanti progetti di rinascita civile e morale, rivolti in gran parte ai giovani: Gocce di (buona) politica, scuola di cittadinanza attiva e partecipazione politica; Calabria Day, iniziativa che ogni anno si pone l’obiettivo di raccontare la Calabria delle storie positive e farlo coinvolgendo i protagonisti delle stesse e i giovani per far si che non credano che la nostra regione è solo ‘ndrangheta e malaffare. Sono una Project Manager del cambiamento, se posso osare, perchè mi piace coinvolgermi in tutte le iniziative dove è possibile esprimere un linguaggio nuovo, che parli di merito e non di raccomandazione, che parli di poter fare qualcosa piuttosto che apsettare che qualcuno ci regali qualcosa. Oggi sto lavorando per far nascere a Cosenza il primo Talent Garden del Sud Italia. Sarà uno spazio di coworking dedicato all’innovazione, da tutti i punti di vista e con tutte le idee talentuose che stanno emergendo e potranno avere una casa dove sperimentarsi.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top