Questo sito contribuisce alla audience di

A Catania la 1a edizione del “Festival Straight UP per la Social Innovation”

Shares
Domenico Ciancio

Considerare l’innovazione come veicolo per accrescere la consapevolezza sui temi ad alto impatto sociale; rendere reali le sinergie per tracciare sul territorio i trend presenti e futuri del mondo digitale e del marketing territoriale; trasformare un momento d’incontro in un’Agorà 4.0 dove far convergere idee e progetti, riflessione e condivisione, ma anche e soprattutto cultura d’impresa.

Questi i temi portanti che hanno guidato la prima edizione del “Festival Straight UP per la Social Innovation” che si è tenuto ieri – giovedì 29 giugno – al Borghetto Europa di Catania.

L’evento è stato organizzato da Sicilian Venture Philantropy Foundation (Svpf), la realtà guidata dalla professoressa Elita Schillaci, da anni in prima linea per sostenere e valorizzare creatività, talento e imprenditorialità.

Antonio Presti e Elita Schillaci

Antonio Presti e Elita Schillaci

Business e responsabilità per riportare al centro l’uomo e i suoi valori, l’ambiente in cui vive e le nuove tecnologie che stanno trasformando le relazioni economiche e sociali.

Questa la cornice che ha fatto da sfondo agli interventi del “Social Change”, che davanti a una platea di imprenditori e giovani startupper ha visto la consegna di prestigiosi riconoscimenti per l’impegno volto a valorizzare la nostra terra: il mecenate Antonio Presti, presidente della Fondazione Fiumara D’Arte (Best Social Entrepreneur) per «la sua vision, la bellezza, l’armonia e un’inesauribile capacità progettuale, organizzativa, implementativa»; Elisa e Flavio Fazio di Flazio (Best Social Digital Startup) per aver «democratizzato il web e aver creduto nel sogno di fare impresa»; Luca Busi, Ceo di Sibeg Coca Cola (Best Social Green Lab) che ha sempre «creduto nella Sicilia e nella forza dell’impatto sociale e che ha investito in modo innovativo in progetti che rispettano l’ambiente, le sue risorse e la sostenibilità».

E ancora, Domenico Ciancio, nella foto, condirettore del Quotidiano La Sicilia (Best Social Territorial Growth) per «il dinamismo e l’operosità con cui ha saputo personalizzare – nella dedicala fase di passaggio generazionale – il suo ruolo di imprenditore sociale che racconta il territorio e ne valorizza lo sviluppo»; Matteo Pitanza, managing director di Brumi (Best Social Family Startup) per «la tenacia e l’energia che creano continuità del mito familiare»; gli imprenditori Leo, Davide e Edoardo Scarso di Morpheos (Best Social Family Startup) che hanno costruito un «luminoso modello di familismo operoso»; Mario Faro, vicepresidente Fondazione RadicePura, «instancabile anima di imprenditore sociale capace di fungere da acceleratore per la crescita della nostra Isola»; Assia La Rosa, founder di I Press e Laboriusa (Best Social Journalism) «che ha interpretato in modo creativo e attuale la sua originaria vocazione giornalistica, trasformandola in impresa creativa e sociale».

Riflettori accesi anche alle giovani start up siciliane che hanno saputo far entrare l’online nel quotidiano fronteggiando la crisi e promuovendo una visione dell’Isola virtuosa: dal corner dedicato al Job Placement a quello rivolto alla finanza dal “basso” del Crowdfunding, fino all’area della Good Economy School e del Motivational Training. Per l’occasione, la Fondazione ha inoltre lanciato il bando dal titolo “Call per Adwords Best Social Project” rivolto alle migliori idee made in Sicily, mettendo a disposizione un grant Google Adwords di 80mila dollari per tre mesi, destinato a 4 startup con l’obiettivo di stimolare il loro potenziale creativo e intercettare i nuovi innovatori sociali.

“Una manifestazione scandita da speech di relatori, emozioni, storie di vita e aneddoti che raccontano il modo di fare impresa in un contesto difficile come il nostro – ha concluso Elita Schillaci, anima del Festival – un evento che ha saputo catalizzare l’attenzione del pubblico su temi riguardanti il tessuto sociale e il mondo del business, fungendo da incubatore per nuovi progetti, ma in particolare da canale di trasmissione di collaborazioni ad alto impatto sociale”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top