Cerignola: un salotto culturale dove nascono i futuri cantautori

Shares

Cerignola è una cittadina di cui mi sono occupato già in passato su Resto al sud grazie ad un pilastro fondamentale della cultura e del fermento artistico non solo locale ma nazionale come il Safarà, una realtà creata da Nicola Lopane che è divenuta, nel tempo, un punto di riferimento per la musica indipendente italiana (Leggi l’articolo: Safarà: a Cerignola un “non luogo” diventato “luogo”)

Da quel “luogo/non luogo” in cui ormai è decennale l’appuntamento fisso con la musica potrebbero essere nati o influenzati dal Safarà, due cantautori nati a Cerignola che hanno tutte le carte in regola per scrivere il futuro della musica italiana in quel genere per cui l’Italia stessa è conosciuta nel mondo: Buva e Cesare Blanc.

Entrambi hanno qualcosa di speciale che va oltre il talento pure per l’uso della lingua italiana nella musica per raccontare una storia ed è il supporto del territorio.

Se infatti si visitano le loro pagine social e i “credits” delle loro canzoni, ep e album è speciale quel supporto artistico che viene da musicisti come, ad esempio, Piero Monterisi, batterista e produttore che sta contribuendo a dar forza e supportare talentuosi artisti come Valerio Bucchicchio (in arte Buva) e Valerio Pizzolo (in arte Cesare Blanc).

Questo è solo un piccolo esempio di quel famoso detto del “fare rete” ed è concreto, almeno in terra di Capitana, questo feeling che si è creato per dare un futuro culturale ad una città come Cerignola.

“Sud” – Il video

 

Buva

Buva, nome d’arte di Valerio Bucchicchio, è un cantautore che negli ultimi anni ha collaborato con personaggi della musica italiana come Ermal Meta per il brano “Ercole” ma che ha iniziato ad avere i riflettori puntati da parte degli addetti ai lavori dai riconoscimenti ricevuti nel tempo come Premio del Pubblico durante le semifinali di Musicultura nel 2016, l’apertura del concerto di Max Gazzè nella sua Cerignola,  la targa Giorgio Calabrese al Premio Bindi, riconoscimento che gli permette di firmare un contratto in esclusiva editoriale come autore con Warner Chappell, oltre alla menzione speciale di Musica contro le mafie, partecipando all’omonimo concorso con il brano ”Sud”

“Maledetta Roma” – Il video

Cesare Blanc

Cesare Blanc, nome d’arte di Valerio Pizzolo, è un cantautore che ho potuto conoscere proprio grazie al Safarà e a Nicola Lopane coinvolto come batterista durante i live del cantautore cerignola di base a Roma.

Se Buva è accostabile ad un cantautorato come quello di Dalla, De Gregori e tra i protagonisti della nuova musica italiana come Ermal Meta, Cesare Blanc è influenzato da uno dei signori della musica italiana come Paolo Conte con sfaccettature nuove.

Il futuro di Cerignola e la cultura

Infine possiamo dire che Cerignola potrebbe vivere un periodo magico, almeno per quanto riguarda la musica, perché si ritrova come contesto di una storia artistica che in pochi in Italia sono riusciti a costruire con impegno e che ha portato, negli anni, ad avere esponenti della nuova musica italiana che possono lasciare il segno e prendere in mano le redini del cantautorato italiano.

Salvatore Imperio

Salvatore Imperio, nato a Foggia il 14 Luglio 1982, appassionato di musica, Digital Journalism e social media. Blogger, fonda il sito di informazione dedicato esclusivamente alla musica indipendente “MIE Musica Italiana Emergente” in cui, insieme ad altri appassionati e ricercatori di musica, si occupa di raccontare e informare del vero fermento che la musica italiana sta vivendo. “La musica mi ha già salvato più di una volta e io non posso che raccontarla alla gente” questa è la visione che Salvatore Imperio ha in mente perché “non si può vivere di tormentoni e canzoni che non dicono niente”. Diplomato in Informatica, è iscritto al corso “Culture digitali e della comunicazione” del Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top