“Con la penna e senza scarpe”, anche Resto al Sud per i piccoli ammalati

Shares

C’è anche Resto al Sud nel progetto nazionale di beneficenza che trae origine da “Con la penna e senza scarpe”. Si intitola così, infatti, il libro edito da Armando Editore, impreziosito dall’introduzione firmata da Andrea Bocelli.

I racconti

Si tratta di una raccolta di venti racconti scritti da altrettanti giornalisti di tutta Italia e di testate prestigiose: Il Giornale, Il Manifesto, La Stampa, Corriere Fiorentino, Il Fatto Quotidiano, Rtl 102.5. Accanto a queste, appunto, anche Resto al Sud: tra gli autori figura infatti anche Domenico Bonaventura, blogger del nostro sito da ormai tre anni.

Il progetto

L’idea nasce per sostenere un progetto di solidarietà che trae a sua volta origine dall’attività dell’associazione “Quelle di Boscoborgo”. Attiva sin dal 2015, l’associazione opera nella Valdera, in provincia di Pisa, portando avanti il sogno di aiutare i bambini affetti da patologie rare o oncologiche.

“Il nostro primo libro, intitolato proprio ‘Quelle di Boscoborgo’ – spiega Elisabetta Tognoni, animatrice del gruppo di donne -, era nato sull’idea di raccogliere fondi da destinare a bambini affetti da malattie rare o oncologiche e alle loro famiglie. Abbiamo venduto seimila copie, un successo clamoroso che quest’anno abbiamo cercato di allargare a livello nazionale”.

Dove acquistarlo

Il collaboratore di Resto al Sud, Domenico Bonaventura

Il libro sarà disponibile nelle librerie di tutta Italia dal 15 gennaio. Ma è possibile acquistarlo negli ospedali in cui l’associazione sta organizzando dei flash mob. Il ricavato della vendita sarà devoluto per metà (5 euro sui 10 totali) ad associazioni o reparti di Pediatria di ospedali sparsi su tutto il territorio nazionale.

“Con la penna e senza scarpe” è un progetto editorialmente riuscitissimo, sposato da grandi firme del panorama del giornalismo e della comunicazione che hanno lavorato gratuitamente, cedendo alla Casa editrice i propri diritti d’autore.

Il “nostro” contributo

Domenico Bonaventura, 35enne di Lacedonia, in provincia di Avellino, ha scritto il racconto dal titolo “Dai bulli alla gloria: la storia felice del cervo Buonaventura”. Giornalista, comunicatore e saggista, ha collaborato per numerose testate locali e nazionali e per nove anni con la redazione di Avellino de Il Mattino. Ė fondatore del progetto Velocità Media (Velocitamedia.it), che analizza il mondo della comunicazione e del giornalismo. Collabora da tre anni con Restoalsud.it.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top