Diari dal Sud: una passeggiata tra le bellezze del Mezzogiorno. Seconda tappa: Bari

Shares

Un appuntamento per scoprire le bellezze dei territori del sud. Una passeggiata tra i luoghi degni di nota del Mezzogiorno. E’ “Diari dal sud”, la rubrica firmata Resto al Sud. Dopo la prima tappa nella splendida Napoli, ci spostiamo in Puglia, direzione Bari.

Il culto di San Nicola

Bari è nota per essere la città nella quale riposano le reliquie di San Nicola. Tale condizione ha reso Bari e la sua Basilica, uno dei centri prediletti dalla Chiesa ortodossa in Occidente e anche un importante centro di comunicazione interconfessionale tra l’Ortodossia e il Cattolicesimo. Il 24 aprile del 1813, con Gioacchino Murat, fu posta la prima pietra dell’espansione cittadina al di fuori delle mura medioevali, detto anche borgo murattiano, caratterizzato dal tracciato ortogonale delle vie. Vi trovarono sede edifici e istituzioni pubbliche come il Teatro Piccinni, l’Acquedotto pugliese, il Teatro Petruzzelli, l’Università degli Studi Aldo Moro e la casa editrice Laterza.

Fiera del Levante

Fiera del Levante

Bari ha una solida tradizione mercantile-imprenditoriale e da sempre è punto nevralgico nell’ambito del commercio e dei contatti politico-culturali con il Medio Oriente. Il suo porto è il maggiore scalo passeggeri del mare Adriatico. Dal 1930 si tiene a Bari la Fiera del Levante, tra le principali esposizioni fieristiche d’Italia.

Basilica di San Nicola

Basilica di San Nicola

La città è ricca di storia, che ha contribuito a donarle, nel corso dei secoli, un notevole patrimonio culturale, essenzialmente di tipo architettonico, che dagli anni 2000 è in costante riscoperta e valorizzazione. La Basilica di San Nicola è uno dei simboli della città di Bari, sorge nel cuore della città vecchia, in una larga piazza. L’edificio fu eretto allo scopo di custodire le reliquie di san Nicola. La sua struttura è uno dei migliori esempi di architettura romanica pugliese.

Cattedrale di San Sabino

Cattedrale di Bari

La cattedrale di San Sabino fu eretta tra XII e il XIII secolo, anche questa chiesa è uno dei migliori esempi di Romanico pugliese: ha una facciata semplice, e, come il resto del complesso, si caratterizza per la presenza di lesene, archi, bifore e monofore. In alto presenta un maestoso rosone dalla cornice variegata.

I teatri di Bari

Teatro Petruzzelli

I tre principali teatri della città, il Piccinni, primo per costruzione, il Petruzzelli, primo per importanza, e il Margherita, che è stato costruito sul mare per gli accordi tra la famiglia proprietaria del Petruzzelli e il Comune di Bari, ma anche i due stadi, il San Nicola, edificato per i Mondiali di Italia ’90, e l’Arena della Vittoria, edificata nel 1934 come primo vero stadio di Bari e che ha ospitato fino al 1990 le partite del Bari e che ospita adesso i live dei maggiori artisti della scena musicale.

Palazzo dell’Acquedotto Pugliese

Acquedotto pugliese

Il palazzo dell’Acquedotto pugliese si trova alle spalle del Teatro Petruzzelli. L’imponente facciata bugnata dell’edificio, dona l’aspetto di una fortezza. Tuttavia, varcato l’accesso, si possono ammirare gli splendidi interni scaturiti in ogni minimo particolare dalla fantasia liberty di Duilio Cambellotti: il tema dominante è quello dell’acqua, che viene proposto nei grandi affreschi della Sala del Consiglio, nei pavimenti, negli intarsi in legno e madreperla degli oltre 140 mobili originari.

Palazzo Mincuzzi

Palazzo Mincuzzi

Nel cuore del quartiere Murat, all’angolo tra via Sparano, strada della moda e dello shopping barese, e via Putignani, Aldo Forcignano elaborò nel 1923 un progetto con soluzione d’angolo per l’edificio, che mantiene tuttora chiare destinazioni commerciali. La facciata è un coacervo di colonne, lesene bugnate, capitelli ionici e mascheroni tra i quali si sviluppano le molte finestre, tutte scolpite da Nicola Buono, scultore di Capurso.

UniBa e PoliBa

L’Università degli Studi di Bari è la più importante università pugliese, nonché fra le più grandi del Meridione in termini di affluenza. Fondata nel 1925, l’università conta 13 facoltà e oltre 60.000 iscritti. La sede centrale si trova nello storico Palazzo Ateneo in piazza Umberto I, nel cuore del centro ottocentesco dove hanno sede diverse facoltà umanistiche. Nel 1990 fu istituita la seconda sede universitaria barese, il Politecnico di Bari, che ha sede presso il campus universitario della città, conta 11.000 iscritti.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top