Questo sito contribuisce alla audience di

Digi Edu Hack, all’Università di Foggia una Hacking Marathon per idee innovative e digitali

Shares

L’Università di Foggia promuove l’evento Digi Edu Hack, una Hacking Marathon per proporre idee innovative e digitali con la finalità di valorizzare il Territorio. Più di 50 eventi di Hackathon saranno organizzati contemporaneamente in varie location nel mondo.

Le squadre di innovatori

Il termine hackathon nasce dalla fusione di hacker e marathon, anche se le due parole non vanno intese nel significato piratesco della prima e, ovviamente, nell’accezione sportiva della seconda. Il fenomeno attiene, invece, alla connotazione di esperti e operatori della programmazione e del web che, per breve tempo, si incontrano e cercano soluzione e innovazioni digitali. Tradizionalmente gli hackathon partono con una presentazione del programma e dell’argomento al centro dell’evento. I partecipanti passano alla proposta di idee e alla formazione di squadre in base agli interessi e alle competenze. Le squadre sono formate generalmente da 4-5 persone.

L’appuntamento a Foggia

L’Ateneo foggiano aderisce alla maratona di 24h in programma dalle ore 08.30 di giovedì 3 ottobre 2019, alle ore 10.00 di venerdì 4 ottobre. Presso il Dipartimento di Studi Umanistici (via Arpi, 176 – Foggia), un team multidisciplinare di educatori, studenti e innovatori, supportati da docenti, personaggi influenti e stakeholder si riuniranno per risolvere sfide nell’educazione digitale e proporre soluzioni sostenibili.

La competizione internazionale

Tutte le idee, sviluppate in gruppi, nell’arco delle 24h concorreranno per i premi finali. Una giuria di esperti (Pierpaolo Limone – Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Foggia, Anna Paola Giuliani – Assessore alla cultura del Comune di Foggia, Pietro Di Terlizzi – Direttore Didattico dell’Accademia di Belle Arti di Foggia, Giuseppe D’Urso – Presidente del Teatro Pubblico Pugliese, Antonio Pellicano – Presidente del Consiglio degli Studenti dell’Università di Foggia, Don Bruno D’Emilio – Cappellano dell’Università di Foggia e Massimiliano Arena – Commissario straordinario della Fiera di Foggia) selezionerà tre gruppi capaci di rappresentare al meglio le aree prioritarie del piano d’azione per l’educazione digitale. Il primo classificato parteciperà alla competizione internazionale.

Gli speaker

All’evento gratuito e aperto a tutta la cittadinanza si sono iscritti 222 partecipanti. Sulla pagina web di unifg.it è possibile leggere i curricula di tutti gli speaker che ispireranno i presenti e i coach che, invece, aiuteranno nella progettazione.

Le voci che ispireranno i partecipanti:
· Giuliano Volpe – Presidente della Fondazione Apulia Felix onlus – Presidente emerito del Consiglio superiore Beni culturali e paesaggistici del MiBAC;
· Agostino Sevi – Direttore del Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente;
· Michele Baldassarre – Professore associato di Pedagogia Sperimentale dell’Università di Bari – Direttore del Laboratorio di Pedagogia Sperimentale e Multimedia dell’Università di Bari;
· Donatella Curtotti – Direttrice del Dipartimento di Giurisprudenza;
· Gaetano Serviddio – Professore Ordinario di Medicina Interna;
· Salvatore Patera – Presidente di “Innovars – Associazione di realtà innovative” e vice-Presidente di Espéro srl “Azienda spinoff dell’Università del Salento”;
· Adelmo Monachese – Scrittore e stand up comedian;
· Giuseppe Savino – Fondatore dell’Hub Rurale Vàzapp’;
· Pierluigi Del Carmine -Location Manager, Ufficio produzioni di APULIA FILM COMMISSION;
· Pietro Fragasso – Presidente cooperativa sociale PIETRA DI SCARTO;
· Novella Rosania – Project manager presso Marketing Arena a Rovigo e Marketing Manager di Slidinglife;
· Francesco Paolicelli – Esperto di Open Data, Membro del direttivo di Wikitalia, da alcuni anni lavora prevalentemente allo sviluppo di applicazioni iOS, Android ed ora su API Telegram;
· Antonio Stasi – Professore di Economia e Politica Agraria, Referente politiche giovanili Regione Puglia, Pugliesi Innovativi (PIN), per la provincia di Foggia;
· Massimiliano Arena – Commissario straordinario della Fiera di Foggia;
· Valentina Cianci – CEO e co-founder di Splashmood, CFO e co-founder di We Hate Pink, Presidente FoggiaStartup;
· Nicola Marino – Co-founder INTECH – Innovative Training Technologies;
· Tommy Dibari – Scrittore, Autore di programmi televisivi su reti nazionali, Direttore artistico del Premio Nazionale Nicola Zingarelli e autore e regista del Premio Nazionale Leggio d’oro, l’Oscar del doppiaggio, Docente di scrittura creativa presso il CIASU.

I coach

I coach esperti che accompagneranno i partecipanti in vari settori:

· Francesca Roberto – Vincitrice bando PIN della Regione Puglia, RoMa – Bottega d’Arte;
· Fabrizio Giordano – Co-founder di EUREKA Consulting;
· Roberto Moretto -Produttore Esecutivo JRSTUDIO Cinema;
· Sarah Papale e Valeria Pacilli – Vincitrici bando PIN della Regione Puglia Casereshow;
· Andrea Marino – CEO ProfAdvisor S.r.l.s;
· Massimo Marino – Co-founder del progetto “RiGenerAzioni”;
· Dario de Vitis – co-founder di MDA Consulting StP Srl;
· Viviana Tiso – CMO Splashmood;
· Luciana Stella – Responsabile Servizi Educativi Aps Mira;
· Sergio Colavita – Co-founder Questioni Meridionali;
· Roberto Zarriello – Founder Digital Media;
· Marco Matera – Co-founder Gideon Smart Home;
· Valentina Scuccimarra – Responsabile della Comunicazione e Orientamento per APULIA DIGITAL MAKER;
· Vincenzo Colucci – Facilitatore di Generact

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top