Il grande errore dopo la caduta del muro di Berlino

Shares

Dalla caduta del muro di Berlino tutti hanno pensato che non ci fosse più bisogno di politiche di redistribuzione del reddito e di attenzione per le classi medie e basse.

Morto il pericolo comunista nessuna preoccupazione per la frustrazione e la sofferenza del popolo.

Hanno pensato che un po’ di tv e media ben manipolati sarebbero bastati. Hanno pensato anche a sinistra di schierarsi col capitale e con le lobby industriali e finanziarie sconnettendosi dal popolo.

In Europa il veicolo di queste politiche è stata l’Unione Europea, in pericolo perché non rappresenta più l’anima e le aspirazioni del popolo europeo, ma prevalentemente grandi interessi economici. La sinistra ipocrita e piattamente succube dei più forti viene considerata dal popolo non credibile.

Obama vinse una battaglia vera e commovente con un messaggio chiaramente rivolto a chi non contava niente nel paese più potente del Mondo.

Adesso si gestisce un disastro. Agevolato da sistemi elettorali senza pluralismo e senza tutela delle diverse opinioni in nome della “efficienza” delle istituzioni.

In Italia dobbiamo al centrosinistra che non si omologa e rimane appassionato difensore delle persone e anche, lo devo riconoscere, al M5S la tenuta delle istituzioni repubblicane e la perdurante debolezza dei populismi xenofobi e guerrafondai.

Costruire un fronte comune per la salvezza dell’Italia, dell’Europa e del Mondo basato su Giustizia e Libertà è possibile, per non risvegliarci di nuovo con la bocca aperta come è successo con l’esito del voto americano.

Michele Emiliano

Michele Emiliano (Bari, 23 luglio 1959) è un magistrato e politico italiano, sindaco di Bari dal 2004. Figlio di un calciatore professionista e in seguito piccolo imprenditore, si trasferisce con la famiglia dal 1962 al 1968 a Bologna, per poi rientrare a Bari, dove da ragazzo si dedica soprattutto alla pallacanestro. Si laurea in giurisprudenza nel 1983 e per un periodo lavora come praticante nello studio di un avvocato. Nel 1988 sposa l'attuale moglie, Elena, da cui ha tre figli: Giovanni, Francesca e Pietro.

Comments (3)

  • Avatar

    guido

    11 Novembre 2016 - 16:05

    dovevano costruirne 2 sicuramente in italia si stava meglio prima della caduta del muro

    Rispondi
  • Avatar

    Luciano Rosa (@luciano2rosa)

    11 Novembre 2016 - 23:28

    L’europa è nata ispirandosi propagandisticamente all’unione dei popoli europei (che non hanno mai conosciuto una unità vera), ma in realtà è stata pensata come sistema per controllare e sottomettere i popoli degli Stati europei. A tale scopo, bisognava superare i Governi nazionali, e si è finta una comune stirpe di popoli, seppure in realtà completamente differenti, per cultura, tradizioni ed usi. Quindi si è strumentalizzato un desiderio di pace tra i popoli, imponendoci un unico Governo scelto tra i “peggiori”scenari possibili. Costoro (i parlamentari europei) dettano legge su tutti i popoli, ma a poco a poco, ne stiamo diventando consapevoli, ed infine riusciremo ad invertire la rotta. Questo è il mio augurio, affinché sia possibile raggiungere una pace vera e duratura, contrapponendoci al “pensiero unico” e quindi alla dittatura (attuale).

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top