Fase 2: Innovery lancia T-Gate, termoscanner per aziende

Shares

Innovery lancia T-Gate, un termoscanner ideato per controllare la temperatura dei dipendenti prima dell’ingresso in azienda.

La termocamera che misura la temperatura corporea

Il dispositivo progettato in collaborazione con NEXT2U, spin-off dell’Università ‘D’annunzio’ di Chieti e Pescara, è costituito da una termocamera per la misurazione corporea, che effettua lo screening della temperatura in un tempo estremamente ridotto rispetto alle soluzioni tradizionali, e da sorgente di riferimento calibrata, utilizzato per migliorare la precisazione nel rilevamento della temperatura.

Dispositivo pensato per grandi aziende

Il dispositivo è completamente indipendente, facile da installare e con un’elevata precisione nella misurazione. Pensato per rilevare la temperatura corporea di soggetti in movimento, ed è stato realizzato per essere utilizzato da grandi aziende, con personale superiore alle 500 unità.

La sicurezza dei dipendenti al primo posto

“In un momento così importante per la ripartenza economica del nostro Paese la sicurezza dei propri dipendenti è al primo posto. Per questo abbiamo messo a disposizione le nostre competenze del comparto ICT insieme al nostro know-how sulla sicurezza fisica per dar vita ad uno strumento affidabile e preciso – spiega Gianvittorio Abate, Amministratore Delegato di Innovery – T- Gate, è un dispositivo dall’elevate complessità tecnologica, in grado di rispondere pienamente agli elevati standard imposti dall’Istituto Superiore di Sanità, e dal garante della privacy”.

Non tutti i modelli offerti sono adeguati alle direttive

“In queste settimane si sono moltiplicate le offerte, ma non tutti i modelli sembrano rispettare appieno le direttive dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e le normative ISO su accuratezza e sensibilità – spiega Arcangelo Merla, esperto di termografia dell’Università G. D’annunzio di Chieti e Pescara – Una rilevazione valida deve essere effettuata su una persona alla volta, con una termocamera con una accuratezza di 0,5 gradi centigradi. La temperatura deve essere inoltre rilevata in un’area non inferiore a 3 millimetri per 3 nella regione perioculare, eventualmente tenendo vicino al soggetto un black body, la cui funzione è di compensare gli errori di misura comuni a tutti i dispositivi”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top