Questo sito contribuisce alla audience di

Gli artigiani digitali di Taranto

Shares

Una giornata dedicata al mondo degli artigiani digitali e tecnologici, aimakers, agli studenti e agli hobbisti: a Taranto si è celebrato l’Arduino Day! L’evento promosso nei giorni scorsi da CNA Puglia e CNA Taranto, insieme ad Arduino Taranto Lab (il cui direttore è Umberto Talamo) e l’associazione Made in Taranto (Presidente: Gianluca Lomastro), in collaborazione con Camera di Commercio Taranto, nella sede della Cittadella delle Imprese in occasione del decennale di Arduino, la nota piattaforma di prototipazione elettronica programmabile.

Arduino Day è un evento gratuito rivolto a un pubblico eterogeneo che offre l’opportunità di avvicinarsi al mondo della moderna tecnologia dell’informatica e dell’elettronica open source. Con l’obiettivo di essere punto di incontro per le molte realtà che animano il settore, dalle aziende, agli appassionati, alle istituzioni e punto di partenza per la condivisione di conoscenze e strumenti di innovazione tecnologica, Arduino Taranto Lab, Cna, Camera di Commercio e l’associazione Made in Taranto® hanno desiderato, in questo modo, di contribuire fattivamente allo sviluppo delle economie alternative per Taranto e provincia.

All’evento sono state invitate tutte le scuole e gli istituti scolastici tecnici e tecnologici non solo di Taranto ma di tutta la Puglia.

Al centro dell’evento gli Artigiani Digitali o i maker, ma chi sono? Sono tutti coloro che ritengono di poter realizzare in autonomia qualsiasi cosa. Potrebbero essere definiti gli hobbisti tecnologici del 21esimo secolo. Si interessano di tecnologia, design, arte, sostenibilità, modelli di business alternativi. Vivono di comunità online, software e hardware open source, ma anche del sogno di inventare qualcosa da produrre autonomamente, per vivere delle proprie invenzioni. “In una fase di crisi – spiegano i promotori – si affidano alla creatività facendo della propria passione un lavoro“. Il movimento dei Maker si basa sulla riutilizzazione e condivisione dei risultati, sulla creatività e sull’innovazione. Sul medio e lungo periodo potrebbe permettere di innescare importanti effetti virtuosi sull’economia, in cui comunità crescenti di makers sperimentano nuovi approcci alla produzione basati su tecnologie a basso costo. Al giorno d’oggi  hanno a disposizione innumerevoli strumenti per creare. Eccone alcuni: ARchitect, il framework di Augmented Reality di Wikitude per mobile e web application; Lego Mindstorms, il kit delle Lego che permette di creare robot grazie a motori e diversi tipi di sensori, il tutto comandabile remotamente dal proprio device; Kinect, l’innovativo controller Microsoft in grado di tracciare i movimenti del corpo, utilizzabile in qualunque applicazione grazie alle sue Api; Arduino, una piccola scheda elettronica opensource basata su hardware e software molto flessibili e facili da usare con i quali si possono realizzare ambienti ed oggetti interattivi; OpenPicus, scheda wifi programmabile gestibile da web e interfacciabile con molte espansioni, tra cui: scheda “lighting” con relèè e dimmer per il controllo delle luci; scheda per lo streaming audio; scheda per controllare il Lego MindstormsNXT attraverso smartphone o tablet; scheda per automodellino controllabile attraverso Kinect; scheda di interfacciamento con Easyvr per il riconoscimento di comandi vocali. Ambiente di sviluppo e documentazione Stampanti 3D, Kent’s Strapper presenta un’interfaccia per Kinect e per Android per la stampante Galileo. Niente di più facile che scansionare il proprio volto e “stamparne” un modellino 3D; Android Open Adk( Accessory Development Kit): comanda periferiche USB dal tuo device Android; .Net Micro Framework, la tecnologia Microsoft per lo sviluppo di applicazioni embedded. Tutorial in Italiano su .NET MF, wiki Italiano/Inglese di TinyCLR.com, reference .NET MF su MSDN, portale su Netduino; BTicino L3504SDK: una valigia all’interno della quale si trova un mini impianto domotico pre-cablato, comandabile tramite TCP/IP grazie al linguaggio Open Web Net; NFC per QT: Librerie per l’utilizzo della tecnologia NFC nella applicazioni basate su QT. Saranno disponibili dei device Nokia che supportano questo standard.

Roberto Zarriello

Laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Bari, è giornalista, saggista e docente di Comunicazione digitale e Social Media all’Università Telematica “Pegaso”, e in vari master universitari. Ha collaborato con le Cattedre di Organizzazione e Comunicazione degli Uffici Stampa - URP e di Pianificazione Media e Comunicazione dello Sport della Facoltà di Scienze della Comunicazione all’Università “La Sapienza” di Roma. Scrive di comunicazione, internet e nuove tecnologie per l'Huffington Post, coordina l'area glocal news di Tiscali.it e cura sul portale un focus dal titolo ”Innovare l'informazione nell'era dei social media”. Collabora dal 2003 con il gruppo Espresso, con cui ha creato il progetto Città 2.0 su Repubblica.it. È fondatore e direttore responsabile del magazine di cultura e innovazione RestoalSud.it e dirige la RestoalSud Academy. Ha pubblicato il volume Penne Digitali 2.0 - Fare informazione online nell’era dei blog e del giornalismo diffuso, edito dal Centro di Documentazione Giornalistica, e Social Media Marketing - Strumenti per i nuovi Comunicatori Digitali, edito da Franco Angeli. In passato coordinatore della Commissione "Didattica della Comunicazione Didattica" dell'USR Molise e ha ricevuto nel 2015 il Premio Giornalistico Nazionale “Maria Grazia Cutuli” per la categoria “web, editoria digitale”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top