Questo sito contribuisce alla audience di

Il campus alla mafia pugliese, tanti big rischiano il processo

Shares
Processo

La procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per i 17 imputati dell’inchiesta chiamata ‘Domino 2‘, accusati a vario titolo di favoreggiamento, riciclaggio, corruzione, rivelazione del segreto d’ufficio ed estorsione. Quest’ultimo reato è aggravato dall’aver favorito un’associazione mafiosa.

La vicenda al centro dell’indagine è la realizzazione di un campus universitario da 3.500 posti letto a Valenzano (Bari).

Rischiano il processo tre avvocati – l’ex vice presidente della Provincia di Bari Onofrio Sisto (Pd), l’ex consigliere laico di centrosinistra del Csm Gianni Di Cagno, e il docente universitario Giacomo Porcelli – sei direttori di banca, due ex amministratori del Comune di Valenzano – Donato Amoruso, ex vicesindaco, e Vitantonio Leuzzi, ex assessore ai lavori pubblici – e pregiudicati ritenuti vicini a Michele Labellarte, l’imprenditore deceduto nel settembre 2009 e considerato dagli inquirenti il cassiere del clan mafioso Parisi-Labellarte di Bari.

Secondo la Procura, che aveva notificato la chiusura delle indagini nel maggio 2012, i tre avvocati sono accusati di favoreggiamento perché “in concorso tra loro aiutavano Labellarte (in qualità di legali della società Uniedil a lui riconducibile, che aveva acquistato i terreni per il campus, ndr) ad assicurarsi definitivamente parte del profitto di circa sette miliardi di lire rinveniente dal reato di bancarotta fraudolenta e frode fiscale, omettendo la segnalazione” delle operazioni sospette all’Uif (Unità di informazione finanziaria).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top