Questo sito contribuisce
alla audience di

Impresa culturale: a Ragusa apre Bassi Comunicanti

Shares

Fare impresa culturale e produrre cultura e bellezza all’interno della bellezza stessa: chi può chiedere di meglio? Se stai annuendo allora continua pure a leggere.

Fino al 27 febbraio hai la possibilità di partecipare a Bassi Comunicanti, il bando promosso da alcune associazioni di Ragusa in partnership con Enti internazionali che fornisce assistenza e incubazione a imprese in campo culturale. Ne ho parlato nel podcast numero 26 di Start Me Up con Federica Schembri, presidente de L’Argent e project manager di Bassi Comunicanti.

I bassi richiamati nel nome del progetto sono quelli di palazzo Cosentini, storico edificio di Ragusa Ibla che verrà riaperto e ospiterà i gruppi nei prossimi mesi. Saranno “comunicanti” perché «sono 5 ambienti e l’idea richiama un po’ il principio dei vasi comunicanti: quindi come se andando a riempire uno degli spazi di conseguenza si andassero ad arricchire anche gli altri» spiega Federica durante l’intervista.

Che tipo di imprese cerca Bassi Comunicanti?

Bassi Comunicanti è alla ricerca di imprese o anche solo idee che arrivino da persone tra i 18 e i 35 anni e che ruotino al mondo del settore culturale. Specifica Federica: «Andiamo a cercare idee che abbiano a che fare con la cultura ,che abbiano a che fare con musica, la comunicazione, eventi, realizzazione di musei, servizi culturali e quant’altro. Da queste idee aiuteremo questi giovani partecipanti a svilupparle in progetti e in imprese culturali».

Perché investire in cultura?

Ci siamo anche chiesti questo con Federica Schembri durante l’intervista. Insieme commentiamo uno studio di Ernest & Young pubblicato dal Sole24ore in cui viene evidenziato che in Italia quelle culturali sono le imprese che generano più occupazione dopo quelle edili e quelle del settore ristorazione e alberghiero. Ci sono ancora alcune questioni ancora irrisolte, come ad esempio il problema del diritto d’autore o il mercato nero che resta ancora molto ampio. Federica non esclude che all’interno di Bassi Comunicanti si possano affrontare anche questo tipo di sfide con il supporto di esperti del settore. 

ASCOLTA IL PODCAST

I link utili per saperne di più sul bando che scade il 27 febbraio sono nel post che accompagna il podcast, che trovate, come sempre su radiostartmeup.it.

Fabio Bruno

Sono un ascoltatore onnivoro e curioso, con un amore incondizionato per il suono. Dopo la laurea ho lavorato per un paio d’anni a 110 webradio, emittente ufficiale dell’Ateneo di Torino e nel frattempo ho preso parte alle attività di RadioSpazio Creativo, laboratorio di scrittura radiofonica, curando diversi laboratori sul montaggio audio. Dopo un anno in Australia creo Start Me Up, podcast settimanale dedicato all’innovazione nel Sud Italia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top