Questo sito contribuisce alla audience di

In Calabria il turismo cresce con i social media

Shares

Un’economia territoriale basata su tecnologie digitali, integrate e cooperative applicate al turismo. Questa è la piattaforma SmartDMO – Tourism knowledge community platform nata da un’idea dell’associazione Calabresi Creativi,composta da cinque giovani under 30.

Il progetto continua il suo percorso in Italia ed è promosso in collaborazione con l’Assessorato al Turismo Regione CalabriaSviluppo Piemonte Turismo, Associazione Le Terre di Savoia, Ente Turismo Alba Bra Langhe e Roero e BTO Educational, incoraggia l’interazione e lo scambio di conoscenze ed esperienze tra attori della filiera turistica (enti locali, associazioni di cittadini, centri di ricerca e universitari, istituzioni, microimprese e PMI), per costruire sinergie, creare un’offerta integrata, accrescere la propria cultura digitale e le competenze smart city/smart region per l’utilizzo delle nuove soluzioni 3.0 (open data/big data, integrazione, cooperazione, web semantico, 3D, realtà aumentata, ecc, ecc,).

Gli obiettivi principali del progetto sono: avviare percorsi innovativi di cooperazione tra le DMO (Destination management organizations, organizzazioni che operano per disegnare l’offerta turistica e portarla sul mercato), gli operatori turistici e gli abitanti del territorio; creare una community di professionisti in grado di ascoltare e dialogare offline e online con i visitatori reali e potenziali; promuovere l’utilizzo di tecnologie digitali nelle strutture legate al comparto turistico.

Vincitrice del bando MIUR 2012 “Smart cities and communities and social innovation”, SmartDMO è stato presentato alla Smart City Exhibition di Bologna nel 2013 ed è stato l’unico progetto italiano su social innovation e turismo sostenibile alla VII edizione del “Sino Italian Exchange Event” ed alla IV edizione del “China Italy Innovation Forum” (Pechino-Shanghai, novembre 2013).

Finita la sperimentazione in Calabria, nella zona della Sila, la piattaforma per la smart economy declinata al turismo sostenibile e cooperativo continuerà durante il 2014 il suo viaggio lungo la penisola, con nuovi test in Piemonte.

Uno strumento – spiegano i promotori – per dare vita a una piattaforma online dedicata a un’offerta turistica (di cui l’Italia è ricchissima) promossa su internet e sui social network, e integrata con i dati raccolti dalle interazioni con gli utenti (esigenze, aspettative, problematiche, suggerimenti) e gli operatori (enti, aziende) attivi sul territorio. Una community turistica in cui offerta e domanda si incontrano in rete per promuovere servizi e cultura in chiave digitale, interattiva e collaborativa“.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top