La lista dei i vecchi #Fari del Sud che rivivranno con una destinazione tra cultura ed attività sociale

Shares

I vecchi fari di porti, hanno un fascino particolare. Infatti sono stati protagonisti di letteraratura e film leggendari.

Il nome deriva dall’isola di Fharos, situata nei presi di Alessandria d’Egitto, dove venne costruita una grande torre al cui interno bruciavano costantemente fascine, affinché i naviganti potessero riguardarsi da una vicina e pericolosa palude.

Ebbene lo Stato ha deciso di dare in concessione undici fari dismessi.

La loro conversione dovrà riguardare il turismo, la ristorazione, lo sport, la promozione del territorio, le attività sociali e la cultura.

Di essi sette sono gestiti dal demanio e quattro dal Ministero della Difesa e si trovano tutti al Sud, tranne uno in Toscana. Infatti gli altri dieci sono tra Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Nella fattispecie sono: il Faro di isola Capo Rizzuto, quello di Bricoli (ad Augusta), il Faro di Murro di Porco (Siracusa), quello di Capo Grosso nell’isola di Levanzo-Favignana, il Faro di Punta Cavazzi ad Ustica, il Faro di Capo d’Orso a Maiori, quello di Punta Imperatore a Forio d’Ischia, quello di San Domino delle Tremiti ed altri.

Per l’assegnazione è stato scelto un bando  e saranno valutate le richieste in base a criteri di proposta più vantaggiosa, tra il fattore economico e quello progettuale di recupero.

Un pezzo di storia torna a rivede.

Giuseppe Lanese

Giornalista professionista, comunicatore e formatore. E' tra i fondatori di Restoalsud e caporedattore della stessa testata. E' responsabile cultura dell’agenzia di stampa nazionale Primapress. Ha curato dal 2009 al 2015 il blog "Parole e Musica" di Repubblica.it. Attualmente scrive e realizza video interviste per Tiscali.it sui temi della cultura e dell'innovazione e, sempre per Tiscali, si occupa del coordinamento nazionale della rete news delle regioni. Collabora con l'Università Telematica Pegaso per il corso di "Comunicazione digitale e Social Media" come cultore della materia ed è responsabile comunicazione dell'Ufficio Scolastico del Molise.

One comment

  • Avatar

    valter

    12 Gennaio 2016 - 12:44

    Ottima scelta! che sia una possibilità soprattutto per i giovani che si rendano consapevoli che la vera opportunità non è andare all’estero ma riappropriarci della nostra cultura e della nostra arte!
    Noi abbiamo creato un percorso nel Pinerolese (TO) delle Dimore storiche che sono a pochi passi e che nessuno conosceva, adesso è meraviglioso vedere tanta gente che viene anche dall’estero. Dobbiamo riappropriarci dell’ amore dei proprii luoghi perchè loro ci aspettano sempre!
    arch. Bruno Valter

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top