A #Taranto espiantati gli organi di un bimbo morto a sei mesi che daranno la vita a tre bambini

Shares

Un bimbo di solo sei mesi, diventa involontario protagonista di un gesto tra morale e scienza, che ha del miracoloso.

Parliamo di un evento descritto dal Nuovo Quotidiano di Puglia, avvenuto a Taranto.

Il bimbo, era affetto da una grave insufficienza respiratoria, congenita e non curabile. Ed i genitori accertatisi della morte cerebrale, hanno dato il consenso ad un espianto di organi. Si tratta del cuore, del fegato e dell’intestino.

Tutto ciò è avvenuto nell’ospedale Santissima Annunziata, dove hanno lavorato alla situazione eccezionale, diverse equipe mediche, coordinate dal primario di rianimazione.

Grazie a tali espianti si salveranno le vite di tre bambini, residenti a Bologna, Bergamo e Padova.

E’ la prima volta in Italia che dal corpo di un bambino così piccolo, vengono espiantati tre organi che faranno vivere più serenamente tre vite umane.

Taranto è una città che ha molte sofferenze, legate alle note vicende dell’Ilva ed il lavoro dell’equipe medica, è un esempio di grande eccellenza di cui andar fieri.

Francesca Giovannoli

Francesca Giovannoli, 34 anni, architetto, coordina un workshop di interior design presso l’Università di Teramo. Attualmente è nello staff di professionisti che si occupa di un importante cantiere sulla costa abruzzese.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top