L’Aquila – La città abbandonata

Shares

L’Aquila – La città, abbandonata, silenziosa e deserta da anni ormai, prende voce e manda rarefatti messaggi a chi ancora ha la forza, l’ostinazione e la devozione di andarla a trovare, di entrare nelle sue ferite e di cercare risposte.

Non fantasmi, ma persone vive ancora fanno risuonare i loro passi nei vicoli vuoti.

Non fantasmi, ma persone vive toccano i muri che si sgretolano lentamente spaccati dal gelo.

Non fantasmi, ma persone vive guardano gli intrecci di ferro e legno che sostengono l’insostenibile.

Non fantasmi, ma persone vive, con rispetto ed un sentimento al quale si fa difficoltà a dare un nome, tornano spesso a varcare quel confine tra una nuova quotidianità e la zona dove ci sono ancora molte cose in sospeso.

Tutto questo abbiamo cercato di raccontare con questo cortometraggio nato, per caso in una mattina d’inverno, dall’immersione di tre amici nelle profondità di una città” 

Stefano Ianni e Francesco Paolucci

Francesco Paolucci

Francesco Paolucci è nato il 26 gennaio 1982 ed è un giornalista professionista e videomaker. Ha conseguito una laurea magistrale a Teramo con una tesi sul regista americano David Lynch. Ha frequentato la scuola di giornalismo della stessa università. Co-autore del blog satirico www.diceche.com ha raccontato il post terremoto dell’Aquila ora in chiave ironica, ora in chiave documentaristica con reportage rivolti soprattutto al mondo del web. Autore del documentario “Riprendiamoci”, le storie dopo il terremoto dell’Aquila di un gruppo di ragazzi nelle tendopoli. Il documentario è stato presentato in prima visione al Venice Film Meeting nell’ambito della 66^ Mostra d’arte cinematografica di Venezia. Ha collaborato come giornalista per l’Ansa e altri siti di informazione e diversi reportage sono stati pubblicati su testate nazionali come Repubblica, L’Unità e Radio Rai 3. Attualmente sta lavorando alla realizzazione di un lungometraggio di finzione che ha la finalità di raccontare dall’interno la storia della città dell’Aquila dopo il terremoto del 6 aprile 2009

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top