Le detenute-sarte del carcere di Lecce lavorano per gli stilisti

Shares

La moda dei giovani stilisti dell’Accademia Italiana entra in carcere, grazie ad una collaborazione avviata con l‘associazione no profit Officina Creativa s.c.s, una cooperativa fondata a Lecce da Luciana delle Donne, da anni impegnata in progetti di recupero delle detenute, soprattutto con progetti a marchiomadeincarcere.

Pioniere del progetto sono le case circondariali di Lecce e Trani, dove sono stati realizzati laboratori sartoriali che impegnano le detenute sei ore al giorno, regolarmente retribuite. In queste strutture sono stati inviati i prototipi degli studenti di Fashion Design dell’Accademia di Firenze, che poi saranno commercializzati online tramite il sito madeincarcere.it.

Fra le proposte ci sono top di merletto bordati di ottone e bijoux, trousse damascate e portagioie da viaggio, tutti realizzati con tessuti recuperati, campionari di vecchie collezioni, rimanenze di magazzino o scarti. Inoltre grazie al progetto “Sigillo” c’è in programma anche il coinvolgimento di altri istituti penitenziari d’Italia, compreso quello di Firenze.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top