Lo sfogo di Bianco: “Tecnocrati al computer mentre la gente muore”

Shares

“Qui non siamo in Sicilia, siamo in Europa, l’Ue lo deve capire e cominciare ad agire, a partire da Frontex: spostino la sede operativa dove c’è l’emergenza. O pensano di stare comodamente seduti sulle poltrone a Bruxelles a digitare tasti di un computer invece di essere dove dovrebbero essere?”.

Lo afferma il sindaco di Catania, Enzo Bianco, che torna a dare la “disponibilità del Comune per ospitare gratuitamente la sede dell’agenzia dell’Ue”.

“Sono stato il ministro dell’Interno che lanciò l’idea di una polizia europea delle frontiere – ricorda Bianco e ora bisogna far capire a Bruxelles che le frontiere della Sicilia non sono quelle italiane, sono quelle dell’Unione europea. A questo colossale dramma dobbiamo pensarci tutti insieme. È impossibile che ci siano persone a Bruxelles – osserva il sindaco – che restano comodamente restare sedute a occuparsi dei fatti loro anziché stare in prima linea e difendere questo pezzo di Europa”.

Gioviana Tedeschi

Gioviana Tedeschi, giornalista pubblicista di Lucera (Fg). Attualmente addetto stampa e responsabile del Fondo Ambiente Italiano, Gruppo FAI Lucera, e di una rubrica pubblicitaria sul web. Corrispondente per emittenti locali, vicina al mondo della sensibilizzazione, prosegue la sua formazione scientifica presso l'Università degli Studi di Foggia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top