Questo sito contribuisce
alla audience di

Il Marsili e il rischio tsunami al Sud: pericolo da non sottovalutare

Shares

Al Sud, nelle profondità del Tirreno Meridionale, c’è un vulcano che fa molta paura agli esperti: è il Marsili che si trova a 140 chilometri a nord della Sicilia e 150 a ovest della Calabria, precisamente tra il basso Cilento e la Calabria, noto per essere il più esteso d’Italia.

Il Marsili, infatti, è considerato molto pericoloso perché, in caso di attività, potrebbe causare uno tsunami che travolgerebbe in maniera disastrosa le coste del sud.

Come spiegato dal professore Francesco Dramis (Università Roma Tre) su Il Mattino, “il Marsili è un vulcano attivo che sta nel mare. Il pericolo di una esondazione è reale. Il vulcano c’è e non è spento. Siamo a rischio. La sua natura esplosiva e le sue dimensioni potrebbero provocare uno tsunami che colpirebbe in meno di 30 minuti Campania, Calabria e Sicilia”.

Per di più, secondo gli esperti, “in caso di allarme la gente non farebbe neanche in tempo a scappare”.

Solo sette giorni fa è stata registrata una scossa di magnitudo 3.2 con epicentro vicino al Marsili che ha messo in allarme i geologi.

Riccardo Trecca

Giornalista e blogger.

Comments (8)

  • Avatar

    gbravin

    28 Settembre 2016 - 08:45

    Come al solito si preferisce omettere certe notizie dai media nazionali.
    Anche le case costruite sulle pendici del Vesuvio, hanno problemi legati ad un vulcano, che prima o poi farà vittime.

    Rispondi
  • Avatar

    pegaso

    28 Settembre 2016 - 12:00

    Gli “esperti” devono dire giorno ora e minuti !
    Non fare come i terremoti che poi si dice :Noi l’avevamo previsto !

    Rispondi
  • Avatar

    Luna

    28 Settembre 2016 - 15:16

    Questo Marsili è spuntato ora, io mai avevo letto di questo vulcano, confesso la mia ignoranza o le informazioni non le danno tutte.

    Rispondi
  • Avatar

    mexsilvio

    28 Settembre 2016 - 15:38

    Vulcano attivo da qualche milione di anni , si presume che il maremoto che copri la sardegna , sia stato provocato da una sua eruzione …??? 30.000 anni fa …????

    Rispondi
  • Avatar

    vince

    28 Settembre 2016 - 16:04

    …e noi progettiamo ponti….andiamo bene….andiamo proprio bene

    Rispondi
  • Avatar

    Mario

    29 Settembre 2016 - 11:01

    il Marsili è conosciuto da tanto tempo e gli esperti sanno da molto tempo che grado di pericolosità ha, inutile dire i danni che creerebbe se esplodesse o anche solo eruttasse in maniera cospicua, dovrebbero mettere delle boe, sommerse, o non sommerse come preferiscono… che avvisassero automaticamente in caso di eruzione, con vero e proprio allarme sonoro sulle coste, queste cose all’americana insomma che poi alla fine sono fattibili con costi non esorbitanti, 30 minuti possono salvare molte vite umane, anche accadesse la notte, figuriamoci di giorno, per molti potrebbero bastare solo qualche centinaio di metri per mettersi in salvo…. meditate gente meditate… possiedo nel cellulare un programma che mi avvisa in tempo quasi reale dei vari terremoti italiani e non, e a dire il vero nella zona Marsili i terremoti ci sono spesso anche se mai di forte intensità, ma come abbiamo visto purtroppo, mai dire mai…

    Rispondi
  • Avatar

    Coscienza Umana

    30 Settembre 2016 - 07:15

    Abbiamo più vulcani sommersi noi nel Tirreno che le dita delle mani: proprio ieri il CNR ne ha scoperti altri 6 nel Golfo di Napoli, tutti attivi che emettono bolle e questo governo che invece di incentivare la popolazione a mettere in sicurezza la costa nel caso di Tzunamy tramite delle sirene di allarme e invitare gli italiani a far verificare le proprie abitazioni, specie quelle situate sugli appennini che pare a cagione della zolla africana stanno andando a sbattere contro i litorali slavi, perde tempo e soldi inutili in robe che proprio non ci interessano affatto.

    Rispondi
  • Avatar

    Hilary

    28 Ottobre 2016 - 10:41

    visto che abbiamo geologi e studiosi, perchè non si cimentano al 101% e invece di scrivere articoli come “la gente non farebbe neanche in tempo a scappare”, si mettono lì giorno e notte e cercano di diffondere (in caso) l’allarme ISTANTANEAMENTE, così da salvare il salvabile… alle volte basta poco x evitare tragedie umane…ma in questo mondo sembra non interessare + a nessuno…..!!!!
    forse tutto questo è un giudizio divino!!! forse il genere umano adesso nella sua cattiveria infinita, raccoglierà ciò ke ha seminato, e il problema di tutto questo…. è che pagano tutti indistintamente!!!!

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top