Questo sito contribuisce alla audience di

Maturità a Nuoro, studente si presenta agli orali in costume sardo

Shares

Giuseppe Rendini è uno studente di 20 anni di Orgosolo, comune in provincia di Nuoro.

Si sta parlando di lui perché si è presentato agli orari dell’esame di maturità in costume sardo.

È accaduto all’Istituto per ragionieri Chironi di Nuoro, dove ha illustrato la sua tesina: una poesia in limba in 15 quartine scritta da lui dal titolo “Terra mia“, che inizia con una esortazione ai sardi: “Sardigna ischida patria mia” (Sardegna svegliati mia).

Come si legge su Ansa.it, il giovane sardo spiegato che “è un’esortazione affinché i sardi, ma soprattutto i giovani, cambino e non siano più schiavi di condottieri che vengono da fuori prendendosi il bello e lasciandoci le briciole quando se ne vanno. Amo la mia isola, il mio paese e l’identità sarda sopra ogni cosa, per questo vorrei darmi da fare per dare uno stimolo a rimboccarci le maniche e cambiare passo. Parlare in limba e indossare il costume sardo all’esame è il modo migliore per rappresentare la Sardegna“.

Anche la storia di Giuseppe Sardo è particolare: il ragazzo è arrivato alla maturità dopo aver frequentato le scuole serali.

Ciò perché la mattina lavora con il bestiame insieme al nonno e allo zio nelle campagne del Supramonte.

La madre fa la commerciante, mentre il padre è un carabiniere.

Dopo la maturità, Giuseppe andrà all’università ma non sa ancora in quale facoltà: “sono combattuto tra due rami che mi appassionano: la letteratura che amo perché mi piace scrivere e leggere, e la veterinaria per il mio grande amore per gli animali. Deciderò questa estate“.

Emilio Lanese

Collaboro con Primapress Agenzia di Stampa Nazionale, occupandomi principalmente del settore cultura. Per la stessa sono stato corresponsabile fanpage. Collaboro con Gosalute, per il quale svolgo le medesime mansioni. Ho lavorato per Lookout-tv.eu, Gotecno e mi sono occupato di Gomolise. Attualmente lavoro con la redazione di Restoalsud per la quale realizzo articoli e ne gestisco l’editing; mi occupo del settore salute e benessere di Gosalute per Tiscali e gestisco la piattaforma Thelemapress per l’inserimento di contenuti su Tiscali per Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Comments (7)

  • Avatar

    pino

    6 Luglio 2017 - 13:34

    anzi poteva presentarsi in costume prenuragico.

    Rispondi
  • Avatar

    xxxxx

    6 Luglio 2017 - 17:07

    No ragazzi un mito… una foto con dedica

    Rispondi
  • Avatar

    PeppeLuisi Pala Melone

    8 Luglio 2017 - 10:11

    ….il costume,…normalmente è quello indossato a carnevale,e serve per mascherarsi…Oppure indossato o infilato d’estate, quando si va al mare,al lago,o in piscina,…Quello indossato dallo studente,è il vestiario “” antico”” che , altrettanto normalmente indossavano i nostri nonni sino alla fine del secolo scorso….

    Rispondi
  • Avatar

    fabrizio

    8 Luglio 2017 - 18:04

    Bravo Giuseppe, complimenti per il vestito e per il coraggio di rivendicare le tue origini sarde. Hai dimostrato a quanti ti criticano, di essere un’ anticonformista mettendo da parte la globalizzazione che ci vuole tutti uguali, ma soprattutto attaccato ai valori della tua terra. Tanti tanti auguri per la maturità, consiglierei ai tuoi insegnanti di premiarti, poiché dimostri uno spirito non comune. Ciao

    Rispondi
  • Avatar

    GiEsse

    10 Luglio 2017 - 16:13

    Lo saprà che cosa è una partita doppia….?
    Avevo un collega ….( eufemismo ) …che durante l’anno scolastico faceva lezione e interrogava in dialetto……
    Cosa che ha fatto pure una volta all’esame di maturità…..!
    L’unica maturità della sua vita…fortunatamente….
    Avere rispetto delle proprie origini è cosa giusta e sacrosanta ……” vantare e ostentare ” le proprie origini con tale forma di orgoglio sembra quasi una limitazione degli orizzonti mentali….
    Comunque auguri……ragioniere…!

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top