Catanzaro, gay si baciano in discoteca. Cacciati dal buttafuori

Shares

Sono uscito con un ragazzo e due ragazze, siamo andati a ballare. Io con questo ragazzo mi sto conoscendo. In pista, in discoteca, ci siamo baciati, e lì è successo quello di cui voglio parlare“.

Comincia così la lettera che un ragazzo di 21 anni, di nome Davide, ha inviato a Catanzaroinforma.it.

Il fatto è accaduto la notte dell’1 luglio scorso in una discoteca in provincia di Catanzaro.

Mentre ballavo in pista – continua la lettera – c’è stato il bacio e l’abbraccio. Allora si è avvicinato un buttafuori dicendomi che queste cose non si possono fare, perché la gente stava ridendo e bisognava evitare ci fossero liti. In effetti io mi sono accorto che la gente ci accerchiava. Ho sentito intorno a me di essere accerchiato da omofobi“.

“Inizialmente sono rimasto lì e ho continuato come se nulla fosse – ha aggiunto Davide – allora entrambi siamo stati allontanati, il motivo? Anche per salvaguardarmi da eventuali liti, mi è stato detto. Ma com’è possibile tutto ciò? A parte il fatto che ho regolarmente pagato il biglietto al locale. Cosa stavo facendo di male?“.

Io voglio denunciare questo fatto e dire che non comprendo il comportamento del buttafuori così come del clima che ho percepito intorno a me. Non stavo facendo niente di fastidioso. Perché devo evitare di dare un bacio?“, ha concluso la lettera del ragazzo.

Proprietario della discoteca – la Rebus di Copanello – è Fabrizio Carpanzano, intervistato da PrideOnline.it.

Parlando dell’operato del suo dipendente, il proprietario del locale ha detto: “Penso che non sia stata capita la natura del suo intervento. Noi siamo tenuti a spostare le persone per raffreddare gli animi. Non deve succedere nulla di rischioso anche per altre persone che non c’entrano nulla. In questo specifico caso potevano sorgere problematiche. Il nostro operatore ha rilevato che le persone intorno a Davide erano pronti a fare dei gesti provocatori ritenendo provocatorio l’atteggiamento di Davide con il compagno. Il suo è stato un intervento tecnico“.

Al Rebus non abbiamo mai fatto distinzione tra etero, gay, single e gruppi – ha spiegato Carpanzano – Abbiamo un pubblico trasversale. Nel nostro locale abbiamo sempre solo inibito eccessi: dalla coppia etero che si struscia a chi si fumava le canne. Ho invitato Davide a venire sabato. Spero che percorreremo la stessa strada: della sobrietà e del dialogo, non dello scandalo a tutti i costi. Spero non si utilizzi la battaglia contro l’omofobia in maniera sbagliata e mistificata“.

Anna Laura Maffei

Giornalista, blogger ed esperta di comunicazione, scrive di innovazione e tecnologia, di sociale, di cultura e di scuola. È communication manager e vicepresidente di Digital Media, partner editoriale di ANSA.it, già service giornalistico di Tiscali.it e main partner di RestoalSud.it, portali d’informazione per i quali scrive i suoi articoli. Per la testata RestoalSud.it ricopre il ruolo di caporedattrice dal 2014, ha curato la selezione e l’editing dei testi dell’omonimo libro ("#RestoalSud", Pietre Vive Editore, 2018) ed è coordinatrice didattica della Resto al Sud Academy, l’incubatore di talenti digitali del Mezzogiorno. Opera come consulente ed esperta di comunicazione digitale e social media per PMI e Startup e svolge attività di ufficio stampa. Ha collaborato con diverse testate informative, rigorosamente “all digital”, tra cui Gosalute.it, TerzoSettore TV e Look Out TV, quest’ultima tra le web tv di riferimento nell’ambito del racconto delle culture, diretta da Claudio Martelli, di cui è stata project manager. È coautrice della seconda edizione di “Brand Journalism. Storytelling e marketing: nuove opportunità̀ per i professionisti dell’informazione” (edita dal Centro di Documentazione Giornalistica).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top
Change privacy settings