Niente burqa? Presa a calci e pugni e chiusa nel bagno

Shares

Una vicenda triste, che si ricollega al clima che viviamo, si è vissuta nell’hinterland napoletano.

Sant’Anastasia è un Comune di circa 30.000 abitanti ed è stato teatro di un episodio che ha scosso le sensibilità.

Un uomo di 51 anni, di origine marocchina, ha preso a calci e pugni la moglie, accusandola di volersi “vestire all’occidentale“.

Poi, per evitare che chiamasse i soccorsi, l’ha rinchiusa nel bagno.

Lo scrive Ansa.it.

Secondo le indagini dei Carabinieri, l’uomo ha colpito la moglie, ventottenne, procurandole tagli al volto, perché non voleva vestirsi con abiti lunghi e indossare il burqa.

La donna è riuscita a fuggire e, arrivata in strada, si è accasciata al suolo.

Sono stati allertati i Carabinieri che hanno arrestato l’uomo, conducendolo nel penitenziario di Poggioreale.

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco del Comune, esprimendo incredulità per l’accaduto.

Riccardo Trecca

Giornalista e blogger.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top