Questo sito contribuisce alla audience di

Padre Pino Puglisi Beato, alla “facciazza” della mafia

Shares
Padre Pino Puglisi

E Padre Pino Puglisi diventa Beato. Alla “facciazza” della mafia, come si dice a Palermo. Sì, perché quelli lì avrebbero voluto cancellare dalla storia il sacerdote che stava rodendo i basamenti delle colonne che reggevano/reggono il loro tempio costruito con l’odio, l’illegalità e con il marmo intriso di sangue. E pensavano di raggiungere quell’obiettivo attraverso l’unico modo subdolo che conoscono: l’assassinio. 

Invece, l’agire di 3P è andato al di là della sua “vita terrena” ed ha, giorno dopo giorno, sempre più intensamente, contribuito al fine della sua missione: il Rinascimento culturale e sociale della città. Soprattutto dei più piccoli, quelli per cui il prete palermitano ha sacrificato la propria vita, perché non accettava per loro un futuro con la pistola in mano o con la bustina di cocaina in tasca.

La Beatificazione di Padre Pino Puglisi, quindi, non ha soltanto un valore religioso (venerabile per martirio in “odio alla fede”) ma ne ha anche un altro: universale. È il riconoscimento della forza prorompente della legalità, della lotta per la difesa della “cosa di tutti”. 

3P, inoltre, incarna l’energia di tutti quei giovani d’oggi che, cresciuti sotto le azioni e le parole sue, di Giovanni Falcone, di Paolo Borsellino e di tutti gli altri, gridano “la mafia è una montagna di merda“, convinti che “come tutte le cose umane, è destinata a morire“. 

La Nuova Palermo, dunque, ha il suo Beato. Da pregare e da emulare.

E il sole sta splendendo.

Walter Giannò

Blogger dal 2003, giornalista pubblicista, ho scritto su diverse piattaforme: Tiscali, Il Cannocchiale, Splinder, Blogger, Tumblr, WordPress, e chi più ne ha più ne metta. Ho coordinato (e avviato) urban blog e quotidiani online (come BlogSicilia.it). Ho scritto due libri: un romanzo ed una raccolta di poesie. Ho condotto due trasmissioni televisive sul calcio ed ho curato la comunicazione sul web di un movimento politico di Palermo durante le elezioni amministrative del maggio 2012.

One comment

  • Avatar

    Giuseppina Marrone

    25 Maggio 2013 - 08:53

    se il loro obiettivo era ZITTIRLO, PICCHI` FACIA U SCONZAJOCU …..
    OBIETTIVO FALLITO ….. SU TUTTI I FRONTI!

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top