Palermo, la Libertà va in bici

Shares
Bicicletta Libertà

“Ci sono tanti modi per parlare di libertà ma uno solo per poterla raggiungere, usare le nostre gambe”. Ne è convinto Pablo Dilet, che ha trasformato una bicicletta degli anni Venti in un’opera d’arte per parlare di Libertà.

“Perché è grazie alle proprie gambe – ribadisce l’autore –, che è possibile realizzare anche i sogni: quelli legati a una mobilità sostenibile, al valore del riuso e a quella libertà, in senso lato, cui ciascuno dovrebbe aspirare”.

E’ così che Pablo Dilet, pseudonimo del giornalista palermitano Dario La Rosa – già autore di installazioni dal forte impatto sociale come Welcome Carpet, sulla multiculturalità o Plastic, sul tema della plastica in mare – ha creato una bicicletta per parlare nelle scuole e nelle piazze di valori a volte messi in discussione.

La presentazione della bicicletta artistica – che ha il patrocinio nazionale della Fiab, l’Associazione amici della bicicletta -, avverrà a Palermo venerdì 2 febbraio presso lo spazio Cannatella (via Papireto 10 ore 18.30). “La bici – spiega l’autore – sarà messa a disposizione di chi, nelle scuole e nelle strade d’Italia abbia voglia di parlare della conquista della libertà come valore e insieme di tematiche legate alla sostenibilità ambientale“.

L’opera e la storia della bicicletta Libertà sono raccontati anche all’interno di questo breve video:

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top
Change privacy settings