#Sicilia a basso rischio #terrorismo

Shares

La Sicilia è in prima linea per l’arrivo di migranti. E’ questo un fatto acclarato che farebbe pensare ad una maggiore esposizione per il rischio terrorismo, infatti nell’isola c’è il più alto numero di rifugiati in Italia, tra cui potrebbero nascondersi infiltrati.

Ma nel rapporto stilato dall’Istituto Demoskopica, intitolato “Italian Terrorism Infiltration index 2015” emerge un basso tasso di probabilità.

Il rapporto dà ad ogni regione una percentuale di rischio e alla Sicilia viene dato uno 0,46 punti, punteggio molto basso. Di meno ne hanno Umbria, Abruzzo, Basilicata e Molise.

Quindi, nonostante i luoghi di sbarco numerosi, come Lampedusa, Pozzallo, Porto Empedocle, Augusta, Trapani, Siracusa, le analisi sin qui condotte parlano della regione siciliana quasi immune al terrorismo.

Nelle regioni più esposte spiccano la Lombardia ed il Lazio. Seguono Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e Toscana.

“Nell’ultimo decennio” scrive il rapporto “sono stati portati a termine poco meno di 100 attentati di matrice terroristica in Italia. Oltre 7000 sono state le intercettazioni autorizzate  per indagini di terrorismo interno o internazionale. Ben 179 sono state le vittime coinvolte in dodici paesi, tra cui Afganistan, Indonesia, Arabia Saudita, Irak, Egitto, Marocco, Pakistan e Nigeria”.

Mary Buccieri

36 anni, giornalista pubblicista, innamorata del Sud e delle sue mille sfaccettature. Legata alle tradizioni ama anche tuffarsi nel mondo delle innovazioni. Promuove il territorio attraverso l’organizzazione di eventi. Promuove progetti di formazione nel settore automotive e iniziative nel Terzo Settore. Citazione preferita: “L’istruzione e la formazione, le armi più potenti per cambiare il mondo”. Nelson Mandela, premio Nobel per la pace.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top