Questo sito contribuisce alla audience di

“Il sogno di Francesco”, l’Utopia possibile nell’interpretazione di Elio Germano

Shares

Due i protagonisti principali del film Il sogno di Francesco: Elio Germano e la Natura (o paesaggio naturale e umano). In questo inno all’essenzialità, che scava fino alla radice dell’essere, abbracciando uomo, creature animali, vegetali, pietre,  aria – in una sintonica unione di vita e di morte, di terreno e di spirituale – l’utopia diviene possibilità, atto che prelude a un reale raggiungibile. La scelta tematica del film, per la regia di Renaud Fely e Arnaud Louvet, impone e cerca un’altra possibile lettura su San Francesco, un santo totale in ogni gesto, in ogni parola lasciataci, nella vita così come nella formulazione, stesura e approvazione della Regola che nel film dà l’avvio alla storia e ne diventa il filo conduttore. Ma, per questo  film, la trama è solo un pretesto, un incipit necessario per il vero racconto che si cela nella scelta dei personaggi – i frati che vissero con Francesco -, nei testi e nei dialoghi, nella fotografia dei luoghi eletti a presenze  ineludibili, nei tempi  lenti, necessari  al pensiero che se ne nutre, negli ampi panorami parlanti di un misterioso arcano esistere da com-prendere dentro di sé.

Già da subito con le prime inquadrature su San Francesco/Elio Germano, in un dialogo silenzioso, semplice, naturale con piccoli pennuti, pone l’accento sulla complessa semplicità del Santo d’Assisi che proprio in questa commistione necessaria tra uomo/corpo/spirito/natura trova la chiarezza e la risoluzione interiore per cogliere il Divino e portarlo nel quotidiano esistere in un continuo impegno di affermazione di Regole che non nascono come imposizione ma come scoperta del vero e quindi necessaria condivisione con l’altro a cui sono dedicati i pensieri, i gesti, la vita stessa. L’interpretazione di Germano va oltre la personale capacità interpretativa – che è un suo tratto distintivo e di stile – e si pone fra consapevolezza del valore storico e universale di un personaggio di levatura eccezionale (riconosciuta da laici e religiosi), approfondimento e studio, rielaborazione personale e pathos, indispensabili a dare corpo e voce al Santo che unico nella Storia dei tempi avvolgeva nei suoi pensieri e nel suo fare il tutto del Creato. Se poi si vogliono fare confronti con altri film, raffronti con il reale storico, ricerca di messaggi da elargire a noi contemporanei, letture del periodo , la lotta impari tra chi ha troppo e chi niente che in questo nostro tribolato attuale è amaro pane quotidiano, tutto questo è presente e chiaro ne “Il sogno di Francesco”.

San Francesco sapeva che le sopraffazioni, le privazioni, le guerre, le privazioni accompagnano da sempre il cammino umano, e sapeva che anche nei secoli che sarebbero seguiti alla sua scomparsa queste stesse cose avrebbero segnato l’esistere per cui il suo sogno, la sua necessaria ricerca di un senso lieto della vita era un atto di speranza, un indicare la possibile strada della gioia che prendeva la sua forma concreta nella capacità di essere poveri, nel senso alto e  ideale del termine, e umili – nella sua accezione di essere vicini e legati alla terra e a tutte le sue creature -. Il film, inoltre, si pone nei modi e nei tempi di ripresa, nella scelta dei personaggi/attori in maniera singolare in questo baillame continuo di sensazionalità e spettacolarità ad ogni costo e ripone l’attenzione sul senso della comunicazione, della visione e dell’audizione soppesate e pensate in contemporanea anche dallo spettatore che ha la possibilità della riflessione, della condivisione, del pensiero interiore.

Attori: Elio Germano, Jèrèmie Renier, Alba Rohrwacher, Yannick  Renier, Eric Caravaca, Marcello Mazzarella, Stefano Cassetti, Olivier Gourmet. I luoghi: Gubbio, Sud della Francia, Abbazia di Fontfroid. Regia: Louvet, Fely

Maria Stella Rossi

Giornalista e scrittrice con attenzione costante per la storia, i saperi della tradizione e quelli artistici della sua regione, il Molise, nella quale ha scelto di restare, vive in un borgo, Cerro al Volturno, paese a ridosso del Volturno, con castello turrito del XV sec. Autrice di volumi dal carattere storico-artistico quali Il Tombolo nel cuore di Isernia, libro che traccia attraverso l’oralità e le memorie locali la storia di un’arte manuale arrivata ad Isernia nel XV secolo; Le benedettine di San Vincenzo al Volturno( incentrato sulle figure umane, spirituali e culturali delle monache benedettine americane che hanno rifondato il cenobio dell’VIII sec.); Fornelli tra storia e tradizione; Parole canzoni preghiere ed altro in dialetto fornellese con cd di antichi canti e preghiere di fine Ottocento; ha contribuito alla scrittura delle guide turistico- culturali: Scapoli e il Museo della zampogna; Agnone e l’Alto Molise; Il tombolo di Isernia, una suggestione dal passato. Ha realizzato ( in collaborazione ) il Museo civico del Tombolo di Isernia; ha pubblicato la raccolta di racconti Guasti, il volume Alla corte di Valentino ( con Sebastiano Di Rienzo, sarto del noto stilista); scrive per la rivista D’Abruzzo, periodico di turismo- cultura- ambiente, per la rivista Il Ponte Italo-americano che si pubblica negli USA, per il giornale Il Quotidiano del Molise, per i magazine CriticArt e Enneti notizie teatrali e di cultura, per i giornali on line ecodelmolise, gambatesaweb, colibrimagazine, altosannio, teleaesse. Ha vinto il premio speciale di Giornalismo culturale nel 2004. Si interessa di critica d’arte e di cura di cataloghi d’arte. E’ stata nominata dalla Rete Italiana di Cultura popolare ( Torino), Cercatore di Tracce; è ideatrice, organizzatrice e promotrice di convegni, presentazioni e del premio letterario nazionale ( in collaborazione) L’Iguana- Castello di Prata Sannita –CE; ha ideato e realizzato dvd dal carattere artistico; componente di associazioni culturali per la valorizzazione e la diffusione della cultura locale e nazionale.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top