SW Catania e Effetto Wow: Start Me Up questa settimana si fa in due

Shares

Questa settimana doppio appuntamento con Start Me Up, il podcast che racconta l’innovazione tecnologica e sociale prodotto da Smartwork. Come media partner dello Startup Weekend Catania ho raccolto le impressioni dei protagonisti e le ho condensate in un unico file. Il secondo podcast pubblicato è invece l’appuntamento ordinario che ogni settimana vi racconta il panorama dell’innovazione nel Sud Italia. Ma andiamo con ordine.

Startup Weekend Catania, #tuttobuono per davvero

È stato lanciato dal social media team dello Startup Weekend Catania quasi per gioco ma l’hashtag #tuttobuono può ritenersi una buona sintesi dell’evento che si è svolto tra il 14 e il 16 ottobre alla Vecchia Dogana di Catania. Lo confermano le persone che hanno partecipato e l’entusiasmo che ne è seguito. Lo Startup Weekend non veniva organizzato a Catania dal 2014 e il merito di aver riportato il format di Techstar ai piedi dell’Etna va all’associazione Youth Hub, che con un ottimo lavoro e un team straordinario non si è affatto risparmiata per la buona riuscita dell’evento. Lo racconto nel podcast speciale che ho pubblicato martedì e che potete ascoltare dal player o andando su radiostartmeup.it.

A Lecce Commonground ti aiuta a trovare l’effetto wow

Arriva il Tedx Lecce e come ormai da tradizione, arrivano le Conversazioni sul futuro. Nel podcast di questa settimana ne analizzo uno in particolare, organizzato da Commonground e focalizzato sul Service Design. Mi riferisco a Effetto Wow e ne parlo con Claudia Busetto. Il workshop è dedicato a tutte quelle persone che organizzano eventi o forniscono servizi e vogliono che i propri clienti e utenti possano conservare un buon ricordo dell’esperienza offerta. Con Claudia accenniamo anche al X Summit di Architecta il cui tema quest’anno è Lasciare il segno.
Tutti riferimenti agli eventi e i riferimenti bibliografici sul Service Design che Claudia consiglia durante l’intervista sono su radiostartmeup.it.

In Sardegna una community ti insegna a programmare (e non solo)

La programmazione come mezzo di libertà. Forse detta così può sembrare altisonante, ma lo scopo di Need For Nerd è nobile: diffondere il linguaggio di programmazione a più persone possibile. E non è solo perché secondo i ragazzi di Need for Nerd è il linguaggio del futuro, ma perché come dice Michele Mereu ai microfoni di Start Me Up rende chi lo usa un utente attivo. E così, Need for Nerd nonostante sia nato da circa un anno, ha alle spalle una lunga serie di workshop, incontri e eventi di divulgazione pensati per ogni fascia di età e competenza. Nell’intervista che potete ascoltare nella puntata di questa settimana di Start Me Up, Michele li elenca e restituisce un quadro completo delle attività del gruppo che è nato dal Contamination Lab di Cagliari. Ma Need for Nerd non è solo incontri: c’è anche una community attiva che si incontra quotidianamente su uno specifico gruppo facebook. Sul sito di Start Me Up potete trovare tutti i riferimenti e le modalità per farne parte, cosa aspettate? Unisciti al gruppo.

Insegnare agli studenti a fare impresa con l’aiuto di tutti

I ragazzi dell’associazione 360gradi li conosco bene: sono una delle più belle realtà nate in Sicilia negli ultimi anni. Dall’anno scorso con il progetto BoostrapLab stanno dicendo ai ragazzi di scuola superiore che fare impresa è possibile. Un discorso che hanno veicolato su tre eventi specifici che hanno avuto un’ottima risposta. Quest’anno hanno deciso di lanciare una call e per reperire i fondi hanno chiesto aiuto alla rete. Così prima del 26 ottobre DOVETE andare su eppela e dare il vostro contributo per Wake Up! Call 4 ideas. Il perché lo spiega per bene Davide Porrovecchio nell’intervista che trovate in questo podcast di Start Me Up. Sul sito del programma trovate tutti i riferimenti e le modalità per sostenere questo progetto che, dallo scorso anno, anima la vita nissena e dice ai ragazzi di questa splendida provincia che un futuro diverso è possibile.

Piaciuta la puntata?

Se la risposta è si, non tenerti tutto dentro: vota e recensisci il podcast su iTunes. Se poi non vuoi perderti neanche una puntata abbonati e ricevi i file direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui se usi iTunes, o usa il feed RSS se sei un utente Android (qui trovi una serie di player che puoi scaricare gratuitamente per sentire i podcast dal tuo smartphone).

Fabio Bruno

Sono un ascoltatore onnivoro e curioso, con un amore incondizionato per il suono. Dopo la laurea ho lavorato per un paio d’anni a 110 webradio, emittente ufficiale dell’Ateneo di Torino e nel frattempo ho preso parte alle attività di RadioSpazio Creativo, laboratorio di scrittura radiofonica, curando diversi laboratori sul montaggio audio. Dopo un anno in Australia creo Start Me Up, podcast settimanale dedicato all’innovazione nel Sud Italia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top