Questo sito contribuisce alla audience di

“Storie di donne”. Le foto di Pio per fermare la violenza di genere

Shares

“I diritti delle donne sono una responsabilità di tutto il genere umano. Lottare contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne è un obbligo dell’umanità. Il rafforzamento del potere di azione delle donne significa il progresso di tutta l’umanità”.

Le parole di Kofi Hannan, ex Segretario generale delle Nazioni Unite, nell’ammirare gli artistici scatti fotografici della mostra “Signa – Storie di donne”, potrebbero far risuonare le intime corde emozionali dell’anima e provocare inattese reazioni. Le 36 foto della mostra – allestita dal curatore Pio Meledandri ed ospitata nell’atrio dell’ex Palazzo delle Poste nel cuore urbano di Bari dall’11 al 18 gennaio – rivelano, infatti, non solo “la banalità del male” perpetrata dagli uomini, ma anche la “crudeltà sociale” di un sistema comunitario che sembra sia oggi deficitario nei suoi anticorpi culturali e morali.

Per lo straordinario successo della rassegna, che conferma nuovamente il ruolo da protagonista di Bari nel panorama fotografico meridionale e la creatività esplosiva del sensibile ispiratore della mostra Pio Meledandri, abbiamo voluto incontrarlo e porgli alcune domande.

Per molti anni è stato il Direttore del Museo della Fotografia del Politecnico di Bari, che ha visto nascere e affermarsi per la bontà e la qualità delle cangianti iniziative proposte. Oggi è il presidente dell’associazione Sviluppo Sostenibile. Come è nata e quali erano le finalità di questa esposizione fotografica?

Troppi femminicidi, sfregi, stupri, violenze di ogni genere. La nostra è una società che non vuole prendersi le proprie responsabilità. Io credo che dobbiamo condividere il dramma in maniera sentita e forte ed è necessario che di questi fenomeni se ne parli non soltanto come episodi di cronaca nera. La mia intenzione era quella di mettere il pubblico davanti ad immagini forti anche se costruite in studio. La finzione scenica, a volte, può risultare più efficace della realtà Una delle frasi ricorrenti che ho sentito dal pubblico soprattutto femminile è: “Può accadere a chiunque”.

 Come ha individuato le protagoniste delle sue foto? Quanto può essere importante lo strumento della fotografia per veicolare messaggi importanti come l’uguaglianza di genere contro ogni forma di violenza?

 Ho cominciato a parlare del mio progetto a settembre scorso con le persone a me più vicine ed ho riscontrato subito molto entusiasmo per questo tema che le donne vivono in maniera preoccupata, se non addirittura angosciata. L’immagine, perciò, è uno strumento dirompente, come avevano ben individuato Saussure e Roland Barthes sin dagli anni ’50. L’immagine rientra nel sistema di assuefazione del potere. Sta a noi, pertanto, saper utilizzare il veicolo visivo in maniera appropriata, per svegliare le coscienze.

 Qual è da sempre il linguaggio della fotografia? Quale emozione vorrebbe restasse a chi osserva un suo scatto?

 Da giovane mi piaceva il reportage e la fotografia sociale. Poi mi sono cimentato un po’ in tutti i generi, dalla fotografia al microscopio a quella archeologica, dallo still life al paesaggio urbano e architettonico. Ora sentivo il bisogno di sensibilizzare quanta più gente possibile sul tema della violenza contro le Donne. Le prime ad essere scioccate dall’immagine della violenza sono state proprio le 12 modelle, poi credo anche il pubblico.

 Ha una sensibilità notevole e una esperienza decennale. Come si spiega il successo dell’arte fotografica in questi ultimi anni e la crescita del movimento di appassionati anche nel nostro territorio?

 Anche in questo caso la condivisione conta moltissimo. Il Museo della Fotografia ha svolto un ruolo guida fondamentale in questi dieci anni. Abbiamo saputo traslare anche sui social network teorie e visioni che hanno favorito il coinvolgimento di massa. Da poco sono presidente di un’Associazione no profit, Sviluppo Sostenibile, che ha tra le linee guida l’ambiente, la cultura, la comunicazione visiva, il sociale. Tra i soci, in aumento, vedo entusiasmo e coesione. Il nostro progetto è quello di coinvolgere un ampio numero di persone su questi temi.

 Dopo il grande successo di questa ultima esposizione, quali saranno i suoi prossimi appuntamenti o desideri?

Grazie per questa analisi, ma senza falsa modestia devo dire che è andata al di là di ogni più rosea previsione. Il vernissage ha visto, nonostante le condizioni meteo molto avverse nei giorni scorsi, grande partecipazione e notevole interesse. Forse perché non è solo fotografia. Per il futuro prossimo, infine, sto già lavorando a nuovi e progetti che hanno tutti in comune l’umiltà di voler cercare di indagare la complessità sociale contemporanea.

Giuseppe Milano

Nato nel ’83 e cresciuto in un paese alle porte di Bari, tra una confezione di lego e due calci ad un pallone, tra i primi cartoni animati in televisione ad inizio pomeriggio e le intense letture del fumetto Topolino, sin da piccolo ho creduto nella potenza dei sogni e dei dubbi. Crescere come un idealista dalla fortissima spinta etica e nella diffusa percezione, ai tempi del liceo classico svolto in un istituto barese, che “la bontà fosse sinonimo di fragilità o stupidità” e non di disponibilità verso il prossimo, ha comportato qualche disagio relazionale poi brillantemente superato all’università: facoltà di ingegneria. Non proprio una passeggiata. E per esorcizzare, forse, da un lato tutte le iniziali ed oggettive difficoltà incontrate e dall’altro il timore di non riuscire, ho iniziato a fare, spontaneamente, una delle cose più belle del mondo: scrivere. In un piccolo blog. Sono trascorsi alcuni anni. Ho sempre un blog. Le parole per me sono diventate sempre più importanti. Strumenti di verità contro l’imperio della menzogna. Strumenti di pace contro l’egemonia culturale della competizionismo che annulla il prossimo. Strumenti di ricerca per esplorare, esaltando la pratica del dubbio, quel che ancora non conosciamo. La scrittura da un lato e la necessità di saldare idealismo e realismo dall’altro, in un pragmatismo sincero animato da moderno meridionalismo, pertanto, mi ha portato ad essere negli anni anche uno dei cosiddetti “cittadini attivi” negli ambiti della legalità e della sostenibilità ambientale. Con l’impegno civile che mi ha portato, per la prima volta, nel 2011, nella redazione di un giornale: un web quotidiano locale che voleva sfidare il mondo. La non felicissima esperienza professionale ha solo spinto questo romantico e appassionato ragazzo verso altre esperienze professionali ed umane, con la medesima tenacia e consapevolezza dei propri limiti. Convinto che il futuro sia alla nostra portata.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top