Questo sito contribuisce alla audience di

I bronzi di Riace sono in piedi. Finalmente

Shares

I Bronzi di Riace sono di nuovo in piedi: anche la statua A, quella che ritrae “il giovane”, ha riguadagnato oggi pomeriggio la posizione verticale.

Si è completata, così, nel Museo di Reggio Calabria l’operazione di riposizionamento dei due guerrieri che, dopo il restauro conservativo e un’assenza di quattro anni, sono tornati da qualche giorno nel Museo nazionale della Magna Grecia. A breve è prevista la riapertura al pubblico.

Si respira aria di soddisfazione tra i restauratori e gli esperti della Soprintendenza archeologica della Calabria che hanno lavorato con dedizione in questi giorni all’operazione di riposizionamento delle opere. Dopo avere rimesso in piedi la statua B, “il vecchio”, ci si è concentrati sull’altra opera, quella A che raffigura “il giovane”.

Una procedura molto complessa e difficile che ha impegnato gli operatori, diverse figure, per molte ore. Ieri sera l’equipe ha lavorato infatti fino a notte inoltrata.

“Sono bellissimi – dice il restauratore Pietro Schepis, uno degli artefici dell’operazione – sul piedistallo che li ospita.
Finalmente sono liberi dalle catene e dalle carrucole che ci hanno consentito di poterli rimettere in posizione verticale. E’ andato tutto alla perfezione ma c’è stata molta tensione perché un imprevisto può essere sempre in agguato. Adesso i due bronzi sono ancorati perfettamente alle loro basi antisismiche pronti ad essere nuovamente ammirati dal pubblico che ci auguriamo davvero possa essere numeroso”.
“E’ stato un lavoro intenso e snervante – ha aggiunto Schepis – ma l’emozione che abbiamo provato ci ripaga di tutti i sacrifici e gli impegni profusi in questi giorni”.

A breve, come annunciato dal ministro per i Beni e le attività culturali Massimo Bray si terrà la cerimonia di riapertura parziale del Museo per restituire alla fruizione del pubblico le due statue e i tanti reperti che arricchiscono la struttura reggina.

One comment

  • Avatar

    Franco Arcidiaco

    16 Dicembre 2013 - 08:53

    Bene, e ora pensiamo a rimettere in piedi anche Reggio Calabria.
    Franco Arcidiaco

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top