Al #Sud si simula un attacco terroristico con buona risposta all’emergenza

Shares

Un attentato terroristico con un incendio da cui si sprigiona una nube tossica per un agente radiogeno, diretta verso una città.

E’ la simulazione dell’operazione denominata “Altavilla 2015“, messa in atto sul piazzale dell’aeroporto di Lamezia Terme e organizzata dalla Direzione Centrale della Difesa Civile del Ministero dell’Interno, che ha coinvolto la Prefettura di Catanzaro e il territorio di Cosenza, la Polizia, i Vigili del Fuoco, l’esercito, la protezione civile, i comuni di Catanzaro e Lamezia Terme, le autorità portuali, ferroviarie, stradali, la Capitaneria di Porto, il 118 e la Croce Rossa.

Lo scopo della simulazione è stato quello di testare la validità dei sistemi di difesa Nbcr delle amministrazioni centrali e periferiche, favorendo l’armonizzazione.

La Prefettura di Catanzaro ha evidenziato una puntuale organizzazione degli uffici preposti per una risposta tempestiva ad interventi di emergenza.

La Prefettura assicura che sussiste un buon livello di coordinamento delle componenti intervenute.

Mary Buccieri

36 anni, giornalista pubblicista, innamorata del Sud e delle sue mille sfaccettature. Legata alle tradizioni ama anche tuffarsi nel mondo delle innovazioni. Promuove il territorio attraverso l’organizzazione di eventi. Promuove progetti di formazione nel settore automotive e iniziative nel Terzo Settore. Citazione preferita: “L’istruzione e la formazione, le armi più potenti per cambiare il mondo”. Nelson Mandela, premio Nobel per la pace.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top