All’Aquila la nostra Pasqua è il 6 aprile

Shares

Anche quest’anno arriva la Pasqua, come sempre. Ma all’Aquila arriva anche, come da sei anni a questa parte, il 6 aprile. E stavolta coincidono: era domenica sei anni fa, quella delle Palme, quando ci coricammo timorosi e fiduciosi. Ci svegliammo l’indomani alle 3 e 32. Era il lunedì della Passione e la Pasqua non arrivò. Quest’anno sarà ancora domenica, quella di Pasqua e non dormiremo fino alle 3 e 32. Poi sarà Pasquetta proprio il 6 aprile.

Le nostre Pasque non sono più quelle di una volta, che coincidano o meno con il 6 aprile: nessuno può dimenticare quella settimana di passione di sei anni fa.

Il 6 aprile è il giorno della commemorazione, ricorderemo le vittime e il tragico evento. In realtà non abbiamo mai dimenticato ciò che è accaduto, né potremo mai.
A ricordarcelo, quest’anno, si aggiunge una frase “il fatto non sussiste”, quella con la quale, in appello, i membri della Commissione Grandi Rischi sono stati assolti. Gli aquilani sanno bene cosa successe nei giorni immediatamente antecedenti il sisma e per questo quella frase pesa più di tutte le pietre che sono crollate.

Tra le macerie giacciono le vittime, i loro famigliari, tutti noi e quella frase di piombo.

I numeri degli sfollati, il vuoto del centro storico, il completo abbandono dei borghi, i costi del miracolo berlusconiano, i crolli nei progetti C.A.S.E., l’inadeguatezza della classe dirigente a tutti i livelli, potrete leggerli su tutti i giornali, la nostra richiesta di verità e giustizia, invece, la potrete respirare in ogni vicolo della nostra città.

Avrei voluto trascorrere in silenzio la notte del 6 aprile qui a casa, dove sono rientrata dopo 5 anni, ma la città ci chiama, e ci saremo.

Giusi Pitari

Giusi Pitari. 56 anni, aquilana; madre di due figli. Laureata in Scienze Biologiche nel 1979, lavora come professore associato presso l’Università degli Studi dell’Aquila: insegna e si occupa di ricerca nel campo delle Scienze Biochimiche. Una delle sue passioni è scrivere: è autrice di un racconto sul terremoto dal titolo “Trentotto secondi” e di un capitolo del libro "Il terremoto dell'Aquila, analisi e riflessioni sull'emergenza" a cura dell’Osservatorio sul terremoto dell’Università dell’Aquila. E’ autrice del blog Trentotto secondi: http://giusipitari.blogspot.it/, dove racconta della sua città.

One comment

  • Avatar

    Antony

    6 Aprile 2015 - 08:31

    Scrivere un commento ?
    No basta, non si può commentare nulla se le Istituzioni del PAESE sono al soldo della vergogna, della corruzione, delle truffe, dei privilegiati che fanno incetta di ABUSI e SOPRUSI, nessuno escluso.
    SI dico nessuno escluso perchè chi tace e usufruisce dei privilegi è un corrotto anche lui, un’approfittatore e/o, quantomeno, un debosciato truffatore.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top