';

Difendiamo i ragazzi di #Libera

Più di cento ulivi tagliati a colpi di accetta.

L’ennesimo atto intimidatorio ai danni della Cooperativa Valle del Marro – Libera Terra che lavora in un bene confiscato alla ‘ndrangheta.

Una terra che in questi anni ha dato frutti di riscatto sociale e di un futuro libero dalle prevaricazioni mafiose.

Solidarietà ai ragazzi e alle ragazze della cooperativa, a Don Pino De Masi.

Sosteniamoli www.valledelmarro.it

Le piante erano in un terreno confiscato alla criminalità organizzata a Oppido Mamertina, nel Reggino.

E’ il terzo episodio in quattro anni.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento