Questo sito contribuisce
alla audience di

Ecco chi sono i signori del vento in Molise

Shares

La società RE PLUS srl con sede a Milano ha ricevuto l’ok da parte della Regione Molise per la realizzazione di un parco eolico tra San Martino e Campomarino.

Ma chi sono i soci della Re Plus? La società è una vera scatola dove all’interno ci sono altre società intestate alla famiglia Feig di Monteroduni, molto vicini alla famiglia Perna, e c’è la presenza anche della famiglia Cimorelli, uno dei quali, Giovanni, finito sotto inchiesta all’indomani dell’alluvione del 2003 in basso Molise per via di alcuni lavori fatti nel Biferno, ecco chi sta mettendo le mani sul territorio molisano.

L’annuncio dato pochi giorni fa dall’ufficio stampa dell’assessorato all’agricoltura della regione Molise ha suscitato, come sempre succede in questi casi, un vespaio di polemiche sulla necessità o meno che il Molise conceda ancora territorio per due parchi eolici, uno a Montecilfone, l’altro tra San Martino in Pensilis e Campomarino, e proprio su quest’ultimo ci siamo concentrati scoprendo una rete di società che fanno capo, tutte o in parte, a uno dei gruppi d’affari più in vista della Regione, e cioè la famiglia Feig di Monteroduni e la famiglia Cimorelli di Isernia, in allegra compagnia con portoghesi e spagnoli, questi decideranno e disporranno di uno dei più bei pezzi del Molise con le loro pale eoliche.

In pratica dovranno realizzare appunto, un parco eolico della potenza di 57,5 Mega Watt, costituito da 23 pali alti cento metri, per installarli a terra ci sarà bisogno, per ogni palo di uno spazio pari a 21 metri di diametro e 20 metri di profondità, asportando 800 metri cubi di terreno che poi sarà utilizzato per fare le strade all’interno del parco, tutto questo per ogni singolo palo per 23 pali in totale, uno scempio del territorio di dimensioni enormi, ma andiamo con ordine.

Il gioco è molto semplice, creare una scatola cinese, avere la residenza fiscale in Spagna dove le tasse non sono come in Italia, e procedere alla realizzazione dell’ennesimo scempio ambientale, è questo ciò che troviamo nelle carte della società Re Plus srl, il cui capitale sociale questa volta non è di dieci mila euro, ma di cento mila euro, il tutto controllato da famiglie isernine.

La società è così composta, il 20% del capitale è detenuto dalla WPG srl di Isernia, che a sua volta è formata per il 50% dalla Galilea srl e dall’altro 50% dalla Gant Partners srl, entrambe con sede a Isernia,  l’amministratore della Gant è un certo Siravo Fiore classe 1983 e che risulta essere “procacciatore d’affari senza prevalenza alcuna, settore non alimentare, di prodotti per l’edilizia”, ma la cosa interessante è che la società si trova in corso Risorgimento, 166 a Isernia, e poi vedremo perché è importante.

L’altra società invece, la Galilea srl è divisa tra Anna Rosa Tartaglione, madre dei gemelli Feig David e Daniel, dove l’amministratore unico è la madre.

Qui bisogna fare una precisazione, Simone Feig, marito della Tartaglione è stato per anni nei CdA di Ittierre, IT Holding e Gianfranco Ferrè spa, aziende notoriamente nelle mani dei fratelli Perna di Isernia, ma non solo, sempre Simone Feig è stato in diversi CdA di enti regionali come l’UNIMOL e strutture private come la Neuromed, insomma un uomo, anzi una famiglia d’affari che ha saputo muoversi in Molise.

Torniamo a noi,  la Gant Partners risulta partecipata per il 32% da Cimorelli Giovanni, rientrato nell’inchiesta “Eldorado” le indagini sono andate avanti dal 2007 al 2012 per fatti che risalgono ai mesi successivi all’alluvione del gennaio 2003.

Nel 2008 il personale del Corpo Forestale dello Stato fece scattare le manette per cinque personaggi:

Erminio Scricco, geometra campobassano, all’epoca responsabile delle opere idrauliche alla Regione Molise, il termolese Mario Ragni, ingegnere e dirigente, all’epoca dei fatti, dell’Ufficio Demanio della Regione. Poi Tullio Genesio, proprietario della “Tullio Edil Calcestruzzi srl” della provincia de L’Aquila, Vincenzo Di Carlo, direttore dei lavori per conto della ditta “Tullio” e Antonio Cimorelli, imprenditore isernino proprietario dell’impresa sub appaltatrice dei lavori.

Questi cinque indagati devono rispondere di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni dell’erario pubblico, oltre che di falso ideologico e danno ambientale. Per Cimorelli inoltre c’è anche l’ipotesi di furto aggravato, mentre i funzionari della Regione devono rispondere anche di falso in atto pubblico. Cimorelli Federico invece, detiene il 18% della Gant così come Cosmo e Laura, mentre Cimorelli Antonio ne detiene solo il 14%, evidentemente tutto in famiglia, con un amministratore unico a fare da testa di ponte.

Sede spagnola, domicilio a Verbania e fusioni isernine la storia della Re Plus srl.

Dalla visura camerale la Re Plus ha sede a Milano in via Lepetit, ma i suoi soci sono tutti, uomini e donne, domiciliati a Verbania in via Martiri, 165, e controllando bene, in quell’indirizzo c’è una casa a due piani che tutto sembra, ma non la sede di una società che si occupa di eolico, eppure i soci della Re Plus “domiciliano” a Verbania e sempre in questa abitazione ha sede anche la EDP Renevables Italia srl che detiene l’80% della Re plus, l’altro 20% è della WPG srl, e nel 2009 “ingloba” la GEA Power srl, con sede a Isernia guarda caso in corso Risorgimento, 166, stessa sede della Gant Partners srl e di chi era la GEA? Amministratore delegato era Daniel Feig, Presidente del consiglio di amministrazione era Giovanni Cimorelli e Consigliere un certo Lombardi Angelo.

Uno dei consiglieri di amministrazione della Re Plus risulta essere Feig Simone, e tra i primi punti della ragione sociale della Re Plus c’è proprio lo sviluppo delle energie rinnovabili, in tutti i settori, tanto è vero che negli ultimi anni in Italia, e in Molise, ne stanno facendo di parchi eolici. Insomma possiamo dire che buona parte degli investimenti nell’eolico basso molisano negli ultimi tempi proviene da società isernine con interessi in molti settori, da quello finanziario a quello edilizio, passando per le energie rinnovabili.

Fonte: www.michelemignogna.it

Michele Mignogna

Sono Michele Mignogna, faccio il giornalista in Molise, mi occupo essenzialmente di inchieste, approfondimenti, reportage, indagini sulla ricostruzione post sisma e di attualità. Ho lavorato per il telematico primonumero.it, per il cartaceo La Voce del Molise, collaboro con l'osservatorio nazionale sul doposisma di Antonello Caporale, e attualmente scrivo per il telematico ilgiornaledelmolise.it.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top