I cinquemila tetti d’amianto della Puglia (video)

Shares

Ventitré anni fuorilegge, ma in molti casi resta ancora libero a fare danni. Il delinquente in questione è l’amianto, che ogni anno in Italia uccide ancora 4mila persone per tutte le malattie correlate all’asbesto, con oltre 15mila casi di mesotelioma maligno diagnosticato dal 1993 al 2008.

I dati sono contenuti nel dossier “Liberi dall’amianto”, realizzato da Legambiente, che per la Puglia riporta 5mila tetti in eternit censiti, 1.750.000 metri cubi di materiale contenente la fibra killer ancora in giro, di cui 506.595 metri cubi nella sola provincia di Bari. Ad oggi sono 670 i siti bonificati e in tutta la regione c’è un unico impianto di smaltimento.

La Regione Puglia ha recentemente approvato in Giunta il piano di bonifica. Ma manca ancora il passaggio in Consiglio, che non potrà avvenire prima delle elezioni del 31 maggio.

Mauro Denigris

Nato 40 anni fa in Svizzera, laureato in Giurisprudenza, giornalista professionista dal 2003, già corrispondente della Gazzetta del Mezzogiorno. Ho vinto il premio Saint Vincent nel 2004, sono stato finalista al premio Ilaria Alpi nel 2009 e ho ricevuto una menzione speciale al premio Giornalisti del Mediterraneo nel 2009. Direttore di As da luglio 2012 a luglio 2013.

One comment

  • Avatar

    mexsilvio

    30 Aprile 2015 - 20:06

    a 20 anni dai decreti governativi che OBBLIGAVANO A DEMOLIRE I MANUFATTI DI AMIANTO , C’E’ DA restare allibiti che in puglia non si sia ancora terminato questa bonifica , domanda le amministrazioni cosa hanno fatto in questi anni , i sindaci cosa hanno deliberato , sono loro i responsabili per legge dello stato della salute pubblica …????

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top