La donna arsa viva incinta dice ai magistrati i fatti

Shares

La prima volta che fu ascoltata dai magistrati avvenne all’inizio di aprile, a due mesi dal giorno in cui il suo compagno tentò di bruciarla viva con una bimba in grembo, a Pozzuoli.

Si era salvata per miracolo e la bimba era stata fatta nascere con un cesareo. Chiamata dai magistrati, arrivò ancora molto provata e debole.

In quella circostanza confermò le affermazioni di chi con un getto d’acqua l’aveva salvata. A discapito delle minacce dell’aggressore, poi arrestato.

Ora Carla Caiazzo è tornata dai pm che indagano ed ha potuto raccontare i fatti con maggiore fermezza.

Infatti Carla è stata prodiga di dettagli. Ha detto che il suo ex compagno le era parso tranquillo, senza parole che potessero portare a sospetti. Aveva semplicemente chiesto d’incontrarla per farle vedere una tuta per la bambina.

Carla va all’appuntamento e viene aggredita all’improvviso, senza litigio, con l’alcol che era in auto.

Un racconto, questo, che si discosta da quello dell’aggressore e che protende verso una premeditazione.

In questa audizione è stato nominato uno psichiatra, che dovrebbe determinare se i farmaci presi dell’ex compagno, abbiano influito sul suo comportamento.

Carla Caiazzo è uscita dall’ospedale dopo mesi, ma dopo due giorni ci ha fatto ritorno. Troppi dolori e difficoltà per mettere in atto le cure.

Cure che saranno molto costose.

Riccardo Trecca

Giornalista e blogger.

Comments (2)

  • Avatar

    lella

    19 Giugno 2016 - 15:53

    galera a vita e buttare le chiavi, non ci sono scusanti x quest ‘uomo, ma tanto se la caverà come tutti gli altri infami che hanno ammazzato altre donne

    Rispondi
  • Avatar

    luigi

    21 Giugno 2016 - 11:08

    quell’uomo è malato ed ha bisogno di cure per riuscire a riflettere su ciò che di grave ha commesso.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top