Questo sito contribuisce alla audience di

‘La giornata’, il film sul caporalato narra il dramma di Paola Clemente

Shares

La sua morte fece riflettere al punto tale, e necessario, da approdare all’ultima legge, la più restrittiva, contro il caporalato. Ed è stato presentato alla Camera dei deputati il cortometraggio “La giornata” di Pippo Mezzapesa che racconta la storia di Paola Clemente, la donna morta nei campi dell’acinellatura dell’uva ad Andria e vittima, appunto, del caporalato.

La tragedia, avvenuta il 13 luglio del 2015, riguarda un fenomeno che ha sollevato scandalo: Paola Clemente lavorava per due euro l’ora sotto il sole e la donna morì di fatica. Il titolo “La giornata” indica come la morte di Paola sia avvenuta alla fine di una estenuante giornata di lavoro e di come quella giornata per lei sia stata l’ultima.

Il film nasce dall’inchiesta condotta da Repubblica e firmata da Giuliano Foschini e fatti e dialoghi sono tratti dagli atti del processo ai caporali della bracciante pugliese e delle colleghe che con lei lavoravano in quelle tragiche condizioni. La morte di Paola, che sembrava l’ennesima tragedia da archiviare in fretta, è invece stata determinante per portare alla sbarra coloro che hanno contribuito alla sua morte. Tutto è stato possibile grazie al coraggio del marito e dei figli che hanno avuto la forza di denunciare.

Ha contribuito moltissimo la determinazione della Cgil e del segretario Pino Gesmundo che sono sempre stati vicini alla famiglia di Paola, ma anche la testimonianza delle colleghe della donna è stata decisiva per mettere agli arresti gli sfruttatori. In pratica, le buste paghe erano false, la paga non superava i due euro all’ora e il lavoro era molto faticoso, impossibile da sopportare. “La Giornata” è il film simbolo della Puglia che si è ribellata al caporalato, perché queste cose non accadano mai più.

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top