La #legge anticaporalato in #Puglia non piace ai #sindacati (video)

Shares

Si chiama “assunzione congiunta”, ed è uno degli strumenti che il governo ha messo in campo da qualche mese per provare a contrastare il caporalato.

Una realtà quotidiana al Sud ma non solo, che in questa estate è salita alla ribalta della cronaca per colpa dei decessi di tanti lavoratori nelle campagne pugliesi.

Per cercare di cambiare rotta i sindacati Flai-Cisl e Uila-Uil hanno stretto un accordo con OP Terra di Bari, cooperativa aderente a Legacoop, per tutelare la legalità, ma soprattutto i diritti dei lavoratori agricoli.

Una decisione non condivisa da Fai-Cgil, che in un comunicato ribadisce di non aver firmato l’accordo perché darebbe il via libera a una riduzione del salario dei lavoratori che viene ritenuta inaccettabile.

Per Legacoop si tratta invece di un’operazione pilota che dovrebbe essere estesa anche alle altre cooperative aderenti, nell’ottica di un contrasto più efficace al fenomeno delle false coop.

Mauro Denigris

Nato 40 anni fa in Svizzera, laureato in Giurisprudenza, giornalista professionista dal 2003, già corrispondente della Gazzetta del Mezzogiorno. Ho vinto il premio Saint Vincent nel 2004, sono stato finalista al premio Ilaria Alpi nel 2009 e ho ricevuto una menzione speciale al premio Giornalisti del Mediterraneo nel 2009. Direttore di As da luglio 2012 a luglio 2013.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top