La Libreria Mondadori di Matera rischia la chiusura

Shares

Alessandro Laterza, editore barese rilascia un tweet provocatorio per scongiurare tale possibilità e per promuovere la cultura.

La libreria Mondadori rischia di chiudere e l’editore barese Alessandro Laterza non ha un attimo di esitazione nel rilasciare un suo tweet provocatorio sulla questione. La causa è probabilmente dovuta a un affitto troppo alto. La cosa che lascia perplessi è che la chiusura riguardi proprio la libreria Mondadori di Matera,  quella stessa Matera designata come Capitale della Cultura per il 2019.

Dunque non un tweet qualunque il suo, ma uno sfogo, una denuncia contro ciò che non va, a tutela di quella parte d’Italia, quel Mezzogiorno, che Laterza ben conosce visto il suo passato incarico di vice presidente nazionale di Confindustria con delega al Mezzogiorno.

Le librerie a Matera in vista del 2019 dovrebbero fiorire, – scrive Alessandro Laterza – non tirare l’anima coi denti nel turismo usa-e-getta. Ne restano solo un paio, di cui una scolastica”.

Una libreria non è solo un negozio — prosegue l’editore — ma è un luogo fisico di aggregazione e promozione culturale”.

La speranza – chiosa Alessandro – è che la libreria non chiuda ma si sposti soltanto dalla centrale via del Corso in un posto con affitto meno costoso, come già successo in passato con la libreria dell’Arco”.

Emilio Lanese

Collaboro con Primapress Agenzia di Stampa Nazionale, occupandomi principalmente del settore cultura. Per la stessa sono stato corresponsabile fanpage. Collaboro con Gosalute, per il quale svolgo le medesime mansioni. Ho lavorato per Lookout-tv.eu, Gotecno e mi sono occupato di Gomolise. Attualmente lavoro con la redazione di Restoalsud per la quale realizzo articoli e ne gestisco l’editing; mi occupo del settore salute e benessere di Gosalute per Tiscali e gestisco la piattaforma Thelemapress per l’inserimento di contenuti su Tiscali per Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top