Questo sito contribuisce alla audience di

La rivoluzione digitale è già in atto. E parte dal Sud

Shares

GinLemon  è uno sviluppatore informatico. La sua app “Smart Launcher” è un’interfaccia alternativa, più intuitiva e personalizzabile, per supporti Android. Di recente, ha raggiunto più di 50 milioni di download su PlayStore per la versione gratuita, surclassando le applicazioni analoghe sviluppate da Facebook e Yahoo.

Quando si parla di nuove tecnologie, interamente sviluppate per il digitale, si tende sempre a immaginarsi i campus sconfinati della Silicon Valley, dove i migliori cervelli del mondo studiano e realizzano, grazie a investimenti cospicui e strumenti all’avanguardia, i dispositivi e le app del futuro.

Di certo, ai nomi GinLemon e SmartLauncher non avremmo associato Manfredonia, nel foggiano.

Eppure GinLemon è il nome d’arte di Vincenzo Colucci, un giovane pugliese di venticinque anni che, dopo essersi laureato in informatica all’università di Bologna, è tornato nella sua città e ha fatto successo grazie alle sue capacità, il suo computer e una connessione ad internet.

Qualche mese fa il team marketing di Google l’ha contattato per girare un breve video della sua storia: frame che mostrano il funzionamento e il design dell’applicazione si alternano a frame che ritraggono Vincenzo nei vicoli di Manfredonia, creando un ponte tra modernità e storia, tra cortili vecchi di qualche secolo e smartphone di ultima generazione. Poche clip che raccontano le speranze e i sogni, il lavoro duro e il successo di un ragazzo che ha sempre creduto nelle sue idee, anche quando gli altri non vi attribuivano importanza.

SmartLauncher, infatti, prima di diventare un’ app conosciuta e scaricata  in tutto il mondo, è stata il progetto di laurea di Vincenzo, progetto che i suoi professori non presero neppure in considerazione.  Nel nostro paese sembra quasi impossibile fare innovazione senza che qualcuno storca il naso.

Nonostante gli scettici, Vincenzo ha scelto di restare a Manfredonia, insieme alla sua famiglia, ai suoi amici e alla sua fidanzata. Perché, anche se all’estero sarebbe stato più facile, è questa la terra che ama e che l’ha cresciuto.

La rivoluzione digitale è già in atto, e parte proprio dal Sud.

Marina Finaldi

Mi chiamo Marina Finaldi, ho 23 anni e vivo a Napoli nel quartiere Scampia. Ho sempre amato scrivere e vorrei diventare una giornalista. Mi sono laureata in lingue alla Federico II di Napoli e attualmente sono iscritta alla Laurea Specialistica in Traduzione Letteraria. Scrivo per un settimanale online nella sezione di Attualità. Faccio parte della Resto al Sud Academy.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top