La rivoluzione digitale è già in atto. E parte dal Sud

Shares

GinLemon  è uno sviluppatore informatico. La sua app “Smart Launcher” è un’interfaccia alternativa, più intuitiva e personalizzabile, per supporti Android. Di recente, ha raggiunto più di 50 milioni di download su PlayStore per la versione gratuita, surclassando le applicazioni analoghe sviluppate da Facebook e Yahoo.

Quando si parla di nuove tecnologie, interamente sviluppate per il digitale, si tende sempre a immaginarsi i campus sconfinati della Silicon Valley, dove i migliori cervelli del mondo studiano e realizzano, grazie a investimenti cospicui e strumenti all’avanguardia, i dispositivi e le app del futuro.

Di certo, ai nomi GinLemon e SmartLauncher non avremmo associato Manfredonia, nel foggiano.

Eppure GinLemon è il nome d’arte di Vincenzo Colucci, un giovane pugliese di venticinque anni che, dopo essersi laureato in informatica all’università di Bologna, è tornato nella sua città e ha fatto successo grazie alle sue capacità, il suo computer e una connessione ad internet.

Qualche mese fa il team marketing di Google l’ha contattato per girare un breve video della sua storia: frame che mostrano il funzionamento e il design dell’applicazione si alternano a frame che ritraggono Vincenzo nei vicoli di Manfredonia, creando un ponte tra modernità e storia, tra cortili vecchi di qualche secolo e smartphone di ultima generazione. Poche clip che raccontano le speranze e i sogni, il lavoro duro e il successo di un ragazzo che ha sempre creduto nelle sue idee, anche quando gli altri non vi attribuivano importanza.

SmartLauncher, infatti, prima di diventare un’ app conosciuta e scaricata  in tutto il mondo, è stata il progetto di laurea di Vincenzo, progetto che i suoi professori non presero neppure in considerazione.  Nel nostro paese sembra quasi impossibile fare innovazione senza che qualcuno storca il naso.

Nonostante gli scettici, Vincenzo ha scelto di restare a Manfredonia, insieme alla sua famiglia, ai suoi amici e alla sua fidanzata. Perché, anche se all’estero sarebbe stato più facile, è questa la terra che ama e che l’ha cresciuto.

La rivoluzione digitale è già in atto, e parte proprio dal Sud.

Marina Finaldi

Mi chiamo Marina Finaldi, ho 23 anni e vivo a Napoli nel quartiere Scampia. Ho sempre amato scrivere e vorrei diventare una giornalista. Mi sono laureata in lingue alla Federico II di Napoli e attualmente sono iscritta alla Laurea Specialistica in Traduzione Letteraria. Scrivo per un settimanale online nella sezione di Attualità. Faccio parte della Resto al Sud Academy.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top