Resto al Sud, dal 15 gennaio corsa agli incentivi per giovani imprenditori

Shares
Incentivi Resto al Sud

Complessivamente, sono 1.250 milioni di euro destinati a giovani imprenditori. Ma da giorni si rincorrono domande e richieste su come funziona e a chi è rivolto concretamente ‘Resto al Sud’, l’incentivo che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate nelle realtà del Mezzogiorno.

Le agevolazioni sono rivolte ai giovani tra 18 e 35 anni residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Per tutta la durata del finanziamento i beneficiari non possono essere titolari di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato presso un altro soggetto.

Possono presentare richiesta di finanziamento le società, anche cooperative, le ditte individuali e le persone fisiche che intendono costituirsi in società dopo l’esito positivo della valutazione.

Si tratta di un finanziamento fino ad un massimo di 40 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni.
Nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 40 mila euro per ciascun socio con tetto massimo ammissibile di 200 mila euro per ogni singolo progetto.

Le domande possono essere inviate dal 15 gennaio 2018, esclusivamente online, attraverso la piattaforma web di Invitalia. Gli aggiornamenti e i dettagli sulle modalità per richiedere il finanziamento saranno disponibili su www.invitalia.it e le domande vengono valutate in ordine cronologico di arrivo.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top