Da 0 a 7 milioni di euro in tre anni, la storia di Moving Up.

Shares
Marco Valenti, ceo di Moving Up

Marco Valenti, ceo di Moving Up

Nelle storie di imprenditori del Sud che tramite il digitale stanno creando imprese e superano gli ostacoli dei luoghi comuni, oggi parliamo di Marco Valenti, CEO di Moving Up, digital company nata nel 2015 a Palermo che in soli tre anni ha raggiunto un posto di primo piano nel mercato Digital ADV e chiuderà il 2018 con oltre 7 milioni di euro di fatturato.

Come è nata l’idea di aprire una Digital Company specifica per l’Adverting a Palermo?

Per noi “terroni” & meridionali, l’attaccamento alla terra è qualcosa che va oltre ogni logica. L’idea è nata dal fatto che il digitale non ha confini territoriali e consente di poter creare realtà lavorative in qualsiasi parte del mondo. L’idea di poter creare impresa e posti di lavoro a casa nostra è stata la motivazione principale che ci ha spinto verso questa iniziativa.

Che rapporto hai con la tua città? Vivendo a metà tra Milano e Palermo, quali sono gli aspetti produttivi che vorresti importare o esportare?

Amo la mia città, il mare e la “mia” Mondello. Direi di avere un rapporto viscerale con la mia terra, con i suoi colori e i suoi profumi. Avendo la fortuna di vivere professionalmente tra Milano e Palermo, porterei al sud la cultura del lavoro (che purtroppo non è nel nostro DNA appieno), mentre esporterei al nord la nostra passione e la nostra splendida creatività.

Incontro con tutti i team di Moving Up

Incontro con tutti i team di Moving Up

Parliamo di Moving Up, quando è nata? Quante persone occupa?

Moving Up nasce solo nel luglio del 2015, oggi abbiamo 3 sedi: a Palermo, Roma e Milano. In tutto riusciamo a dare lavoro a più di 35 persone.

Il fatturato del primo anno e quello previsto per la fine del 2018? E le previsioni per il futuro?

Il nostro primo anno di vita contabile è stato il 2016 chiuso con 1 milione di euro, nel 2017 abbiamo raggiunto i 2,4 e il 2018 chiuderà poco oltre i 7. La nostra crescita è stata velocissima e tumultuosa. Ma per il 2019 abbiamo tutte le carte in regola per far si che sia l’anno dei “7 zeri”.

Immagini del party Moving Up 2018

Immagini del party Moving Up 2018 ai Magazini Generali (Milano)

Immagini esterne del Moving Up party 2018

Immagini esterne del party Moving Up 2018

Cosa consiglieresti a chi decidesse di provarci rimanendo al Sud?

Più che provarci, consiglierei di riuscirci! E’ un nostro dovere e ne abbiamo tutte le condizioni. Forse con un pò di fatica in più, ma la nostra e le generazioni future, hanno la grandissima possibilità di cambiare un sistema abituato a piangersi addosso. Il cambiamento è dentro ognuno di noi e con la cultura, lo studio e la dedizione, restare al sud oggi può diventare la più bella delle opportunità.

Chi è Moving Up?

Moving Up è una digital company specializzata in digital trasformation per i media e l’editoria focalizzata sul Programmatic e DOOH, aiuta gli editori a migliorare le peformance della propria raccolta pubblicitaria e gli inserzionisti a misurare gli investimenti pubblicitari. Monetizza un traffico mensile di oltre 500 milioni di pagine viste, nonchè concessionaria pubblicitaria in esclusiva di realtà come Il Foglio e Il Fatto Quotidiano.

Roberto Zarriello

Laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Bari, è giornalista, saggista e docente di Comunicazione digitale e Social Media all’Università Telematica “Pegaso”, e in vari master universitari. Ha collaborato con le Cattedre di Organizzazione e Comunicazione degli Uffici Stampa - URP e di Pianificazione Media e Comunicazione dello Sport della Facoltà di Scienze della Comunicazione all’Università “La Sapienza” di Roma. Scrive di comunicazione, internet e nuove tecnologie per l'Huffington Post, coordina l'area glocal news di Tiscali.it e cura sul portale un focus dal titolo ”Innovare l'informazione nell'era dei social media”. Collabora dal 2003 con il gruppo Espresso, con cui ha creato il progetto Città 2.0 su Repubblica.it. È fondatore e direttore responsabile del magazine di cultura e innovazione RestoalSud.it e dirige la RestoalSud Academy. Ha pubblicato il volume Penne Digitali 2.0 - Fare informazione online nell’era dei blog e del giornalismo diffuso, edito dal Centro di Documentazione Giornalistica, e Social Media Marketing - Strumenti per i nuovi Comunicatori Digitali, edito da Franco Angeli. In passato coordinatore della Commissione "Didattica della Comunicazione Didattica" dell'USR Molise e ha ricevuto nel 2015 il Premio Giornalistico Nazionale “Maria Grazia Cutuli” per la categoria “web, editoria digitale”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top