Questo sito contribuisce alla audience di

Inside the breath, la “nuova frontiera” per combattere le neoplasie

Shares

Non più esami invasivi, basta analizzare le particelle emesse con la respirazione.

“Inside The breath” (dentro il respiro) è la nuova tecnologia che consente di diagnosticare la presenza o meno del cancro attraverso l’analisi del respiro del paziente. Non più esami invasivi, basta analizzare le particelle emesse con il respiro, captate attraverso uno spirometro – apparecchio in grado di misurare la capacità polmonare – e grazie a un software di ultima generazione è possibile capire se si è o meno affetti da questa terribile neoplasia.

Il nuovo dispositivo sarà pronto per essere messo sul mercato nei primi mesi del 2018, e sarà in uso inizialmente al Policlinico di Bari in collegamento con l’omonimo ateneo, per poi essere usato , successivamente, anche in tutti i maggiori ospedali pubblici italiani.

L’apparecchio è stato programmato per riconoscere vari tipi di tumore: “Neoplasie, come quelle del sistema gastrointestinale (faringe, esofago, stomaco, duodeno, ileo, colon e retto), di quello respiratorio (polmoni, bronchi, laringe, trachea e pleura), del sistema nervoso (encefalo, meningi e midollo spinale), del cancro della mammella, dell’ apparato genitale (utero ed ovaie), della prostata e della vescica“. I dati ottenuti verranno poi analizzati da medici specialisti che all’occorrenza si deciderà se procedere o meno con altre analisi più accurate.

Per eseguire il test occorre respirare e soffiare in un boccaglio, collegato all’apparecchio rilevatore, che è in grado di individuare le nanoparticelle, e di distinguerle tra i diversi tipi di neoplasie maligne, indicandone l’ origine, cioè il tessuto istologico e quindi l’ organo dal quale sono derivate.

Anna Laura Maffei

Giornalista, blogger ed esperta di comunicazione, scrive di sociale, di innovazione e di cultura. È communication manager di Digital Media, service giornalistico di Tiscali.it e main partner di RestoalSud.it, portali d’informazione per i quali scrive i suoi articoli. Per la testata RestoalSud.it ricopre il ruolo di caporedattrice dal 2014, ha curato la selezione e l’editing dei testi dell’omonimo libro ("#RestoalSud", Pietre Vive Editore, 2018) ed è coordinatrice didattica della Resto al Sud Academy, l’incubatore di talenti digitali del Mezzogiorno. Opera come consulente ed esperta di comunicazione digitale e social media per PMI e Startup e svolge attività di ufficio stampa. Ha collaborato con diverse testate informative, rigorosamente “all digital”, tra cui Gosalute.it, TerzoSettore TV e Look Out TV, quest’ultima tra le web tv di riferimento nell’ambito del racconto delle culture, diretta da Claudio Martelli, di cui è stata project manager. È coautrice della seconda edizione di “Brand Journalism. Storytelling e marketing: nuove opportunità̀ per i professionisti dell’informazione” (edita dal Centro di Documentazione Giornalistica).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top