';

Se la pizzica è diventata un lavoro, può accadere anche per il “saltarello”. Basta crederci

Invitato da Giovanni Sollima, quest’anno ho avuto l’opportunità di partecipare alla notte della Taranta, un evento molto molto bello e carico di un’ancestrale ritualità antica.

Suonare per 4 ore di fronte a 150 mila persone è stato emozionante ed imponente.

Ma soprattutto mi ha fatto rendere conto di come un’idea possa diventare realtà, oltre che opportunità di lavoro per moltissime persone e moltissimi artisti.

La Puglia da anni sta facendo scuola con la cultura, e la Notte della Taranta è la ciliegina sulla torta.

In soli 16 anni è cambiata radicalmente la realtà di artisti che si dedicavano a questo genere che fino a 20 anni fa era considerato di nicchia.

Ora invece è un vero e proprio boom: per un mese la pizzica gira in tournée in tutti i paesini del Salento, mercatini, bancarelle che vendono i tamburelli e dischi di pizzica locale, formaggi e vini locali.

Dalla musica al cibo, al vino.

A volte forzando il meccanismo artistico, prendendo melodie napoletane, siciliane e abruzzesi. 

Insomma, la pizzica ha preso il volo e si è trasformata in LAVORO.

Tornando a casa, in Abruzzo, ho capito che anche la mia terra deve avere la lucidità di credere che il nostro SALTARELLO è decisamente più entusiasmante, antico, radicale, profondo, commerciale e politicamente corretto…

Anche qui si potrebbe organizzare un evento, che diventi una tradizione e quindi un lavoro e quindi indotto.

Ci vorrebbe una cultura politica da non poco, come quella della Puglia. Ma noi? Non ci svegliamo?

Il saltarello abruzzese è inoltre una musica più veloce, il cui battito principale è doppio rispetto alla pizzica.

E quindi cosa aspettiamo a dare vita al rawe parti degli organetti e dei “vurra vurra”? Che se ne vada Gianni Chiodi (governatore della Regione)?

Forse in effetti è il caso di aspettare l’uscita di scena di coloro che, a mio modo di vedere, tarpano le ali agli artisti abruzzesi.

Per alcuni politici infatti la cultura è solo un bilancio per coprire spese elettorali


Dalla stessa categoria

Lascia un commento