Il dramma di un territorio che affascina e incanta turisti, ma non riesce a trattenere i talenti che possono contribuire allo sviluppo dell’industria del turismo 4.0.

Non ci siamo ancora stancati di vedere andar via i miglior talenti, i nostri parenti e i nostri amici!

Prima abbiamo visto trasferirsi altrove quelli che volevano semplicemente lavorare (operaio, impiegato, magazziniere, commessa, etc.)

Poi abbiamo visto andar via quelli che volevano impegnarsi in settori professionali verticali (Design, Moda, Adv, etc).

Poi abbiamo visto emigrare quelli che avevano vinto un concorso pubblico e che per una nuova legge, potevano prender ruolo in tutta Italia (Insegnanti, Postino, etc.)

E ancora, e ancora…

Oggi vediamo andar via anche chi addirittura si è inventato un lavoro e una nuova professione. Che potenzialmente gli appartiene e nell’industria immateriale e intellettuale che caratterizza l’epoca in cui viviamo, potrebbe lavorare ovunque …

Qui la storia di una nuova amica, Anna Pernice che ha scelto di andare via

https://www.travelfashiontips.com/2018/04/birthday-girl-regalo-piu-bello-potessi-farmi.html

Sì, perché poi quando vai a trarre le somme, quando si mette sulla bilancia la qualità della vita in termini di servizi pubblici e privati, visto che si può “lavorare ovunque”, perché non cogliere le opportunità e i vantaggi che ci sono altrove?

Questa storia mi ha fatto riflettere  perché Anna per lavoro e per passione, fa la viaggiatrice, essendo una Travel Influencer.

È duro da ammettere, ma se viviamo in una territorio dove chi fa la promozione turistica da oltre 20 (da Bassolino a De Luca, passando per Caldoro) offre l’incarico sempre alle stesse persone che, prive di competenze e titoli, scelgono le strategie da adottare e dove destinare i soldi, poi non dobbiamo meravigliarci se i risultati sono questi:

https://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/regione_campania_incampania_com_inglese-2595708.html

E i nostri talenti, come Anna, sono invece ingaggiati per promuovere i canali social del Turismo della Regione Lombardia

View this post on Instagram

"Walking around Cremona you can see a lot of luthiers shops, a job became Intangible Heritage of Unesco". . . . [#inLombardiaTakeOver Lombardy through the eyes of an instagramer. Every week from Monday to Friday, a new instagramer will show us the local territory – This week @anna_pernice shows us her Cremona. Follow along!] . . . #inLombardia #Cremona #Lombardia #IlikeItaly #italia #italy #igersitalia #whatitalyis #loves_italia #yallersitalia #browsingitaly #italytrip #discoveritaly #framesofitaly #yallerslombardia #loves_united_italia #volgoitalia #ig_italia #bbctravel #igerscremona #igerslombardia #ig_italia #beautifulplaces #top_italia_foto #ig_worldclub #ig_lombardia #unesco #violin

A post shared by inLOMBARDIA (@in_lombardia) on

o anche della Valtellina https://www.travelfashiontips.com/wp-content/uploads/2017/10/03.Chiesa_Som

Visto che Anna, come tanti, sono già degli acceleratori dell’industria turistica 4.0 e anche di altri settori, prima di pensare a qualche misura per il rientro dei cervelli, perché non creiamo i presupposti affinché non vadano lontani?