';

Nuova Marcora, finanziamenti a tasso zero per le cooperative

  • Agevolazioni previste per la nascita, lo sviluppo e il consolidamento di società cooperative
  • Per la misura del Ministero dello Sviluppo Economico è prevista una procedura a sportello
  • L’intervento è gestito dalla CFI – Cooperazione Finanza Impresa Scpa, società finanziaria partecipata dal MISE

Al via le domande per richiedere le agevolazioni previste dalla “Nuova Marcora” per la nascita, lo sviluppo e il consolidamento di società cooperative. La misura del Ministero dello Sviluppo Economico prevede finanziamenti agevolati a tasso zero a favore di cooperative di produzione e lavoro e sociali di piccola e media dimensione attraverso una procedura valutativa a sportello.

La “Nuova Marcora” si chiama così perché l’intervento affianca quello previsto dalla legge 27 febbraio 1985 n. 49, detta appunto legge Marcora e che istituisce un Fondo destinato alla salvaguardia dell’occupazione attraverso la formazione di imprese cooperative tra dipendenti di aziende in crisi.

Il nuovo intervento è stato istituito dal Mise con il decreto ministeriale del 4 gennaio 2021 (definito nella sua operatività dal decreto direttoriale del 31 marzo 2021) ed è gestito dalla CFI – Cooperazione Finanza Impresa Scpa, società finanziaria partecipata dal Ministero dello Sviluppo Economico (che ha già lanciato l’agevolazione “Nuove imprese a tasso zero”).

Chi può accedere alle agevolazioni della Nuova Marcora

Il decreto attuativo del 31 marzo stabilisce i criteri, le modalità e i termini per la presentazione delle richieste di finanziamento agevolato, per la stipula del contratto di finanziamento e l’erogazione delle agevolazioni.

Possono beneficiare dei finanziamenti le cooperative:

  • regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle Imprese,
  • operative su tutto il territorio nazionale,
  • indipendentemente dal settore produttivo in cui operano,
  • che non risultino “imprese in difficoltà”,
  • che non siano sottoposte a procedure concorsuali o in stato di scioglimento o liquidazione.

Per ottenere il finanziamento la CFI interviene con una partecipazione temporanea di minoranza come socio finanziatore della cooperativa.

Finanziamenti agevolati a tasso zero

La misura del Mise prevede la concessione di finanziamenti agevolati:

  • di durata non inferiore a 3 anni e non superiore ai dieci anni,
  • rimborsati secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate con scadenza il 21 maggio e il 30 novembre di ogni anno,
  • regolati da un tasso di interessi dello 0%,
  • pari al 100% dell’importo del programma di investimento nel caso di nuovi investimenti,
  • per un importo non superiore a 5 volte il valore di partecipazione già detenuta da CFI e comunque per un importo complessivo non superiore ai 2milioni di euro.

Cosa può essere finanziato dalla Nuova Marcora

I finanziamenti a tasso agevolato possono essere concessi per:

  • la realizzazione di un programma di investimento non ancora avviato alla data di presentazione della richiesta di finanziamento,
  • esigenze di liquidità.

Programmi di investimento

Sono ammesse tutte le spese sostenute dopo la presentazione della domanda di finanziamento agevolato ad esclusione delle spese:

  • per la sostituzione di impianti, macchinari e attrezzature,
  • effettuate, in tutto o in parte, mediante il cosiddetto “contratto chiavi in mano”,
  • per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature usati,
  • di funzionamento, notarili e quelle relative a imposte, tasse, scorte, materiali di consumo,
  • per beni relativi all’attività di rappresentanza,
  • per l’acquisto di automezzi, ad eccezione di quelli strettamente necessari all’attività di
  • impresa di cui al programma di spesa,
  • per l’acquisto di immobili che hanno già beneficiato, nei dieci anni antecedenti la data
  • di presentazione della domanda, di altri aiuti con alcune eccezioni,
  • relative a commesse interne,
  • relative ai beni acquisiti con il sistema della locazione finanziaria già di proprietà dell’impresa beneficiaria delle agevolazioni.

Esigenze di liquidità

Il sostegno delle esigenze di liquidità delle società cooperative può essere concesso per esigenze:

  • legate alla realizzazione di investimenti avviati da non più di sei mesi dalla presentazione della richiesta di finanziamento agevolato e devono esssere completati entro 3 anni dalla stipula del contratto di finanziamento,
  • di finanziamento del capitale circolante legato alla fase di nascita, sviluppo e consolidamento della società cooperative commisurate su un arco di 12 mesi.

Come partecipare

Le richieste di finanziamento agevolato della Nuova Marcora, corredate dalla documentazione richiesta, potranno essere presentate alla CFI – Cooperazione Finanza Impresa Scpa, società finanziaria partecipata dal Ministero dello Sviluppo Economico, esclusivamente attraverso posta elettronica certificata all’indirizzo: cfi@pec.it.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento